Torna ai cancelli del Ponte Arcobaleno
BIBLIOTECA

ELLENI
Greci

MITI ELLENICI
Hómēros

ILIÁS

ILIADE
 
Rhapsōdía ΚLibro Decimo
[La sortita | Storia di Dólōn]
Autore Ὅμηρος
Hómēros
(VIII sec. a.C.?)
  (pseudoepigrafo)
Titolo Ἰλιάς
Ilías
Genere Poema epico-eroico
Lingua Greco antico (ionico)
Epoca Forse metà VIII sec. a.C.
Hómēros
ILIÁS
ILIADE
 
Rhapsōdía ΚLibro Decimo
[La sortita | Storia di Dólōn]
   
 RHAPSŌDÍA Κ LIBRO DECIMO
  
1 Álloi mèn parà nēusìn aristes Panakhain Così tutti gli altri principi degli Akhaioí, accanto alle navi,
2 heûdon pannýkhioi malakı dedmēménoi hýpnōı; dormivano tutta la notte, immersi in un sonno profondo;
3 all' ouk Atreḯdēn Agamémnona poiména lan ma non cedeva alla dolcezza del sonno Agamémnōn Atreḯdēs,
4 hýpnos ékhe glykeròs pollà phresìn hormaínonta. sovrano di popoli: aveva tanti pensieri in cuor suo.
5 hōs d' hót' àn astráptēı pósis Hḗrēs ēükómoio Come quando il marito di Hḗrē dalle belle chiome lampeggia,
6 teúkhōn ḕ polỳn ómbron athésphaton ēè khálazan preparando una grande pioggia, un diluvio, la grandine
7 ḕ niphetón, hóte pér te khiṑn epálynen aroúras, o una nevicata, quando sui campi si estende il gelo
8 ēé pothi ptolémoio méga stóma peukedanoîo, o la guerra dolorosa con la sua bocca vorace;
9 hṑs pykín' en stḗthessin anestenákhiz' Agamémnōn così spesso sospirava Agamémnōn nel petto,
10 neióthen ek kradíēs, troméonto dé hoi phrénes entós. dal profondo del suo cuore, e gli tremavano le viscere.
11 ḗtoi hót' es pedíon tò Trōïkòn athrḗseie, Ogni volta che guardava la pianura troiana,
12 thaúmazen pyrà pollà tà kaíeto Ilióthi prò si stupiva per i molti fuochi che ardevano davanti a Ílion,
13 auln syríŋgōn t' enopḕn hómadón t' anthrṓpōn. per lo strepito dei flauti e delle zampogne, per il vociare degli uomini.
14 autàr hót' es nás te ídoi kaì laòn Akhain, Poi, quando girava gli occhi verso le navi e l'esercito degli Akhaioí,
15 pollàs ek kephals prothelýmnous hélketo khaítas si strappava di testa i capelli a ciocche, fin dalle radici,
16 hypsóth' eónti Dií, méga d' éstene kydálimon kr. rivolgendosi a Zeús celeste, e gemeva profondamente.
17 hde dé hoi katà thymòn arístē phaíneto boulḕ Alla fine, questa gli parve l'idea migliore:
18 Néstor' épi prton Nēlḗïon elthémen andrn, andare da Néstōr Nēlēídēs, primo fra tutti gli uomini,
19 eí tiná hoi sỳn mtin amýmona tektḗnaito, e vedere di studiare insieme a lui un piano perfetto,
20 hḗ tis alexíkakos pâsin Danaoîsi génoito. per portare la salvezza a tutti quanti i Danaoí.
21 orthōtheìs d' éndyne perì stḗthessi khitna, Allora si alzò in piedi e si mise indosso la tunica:
22 possì d' hypò liparoîsin edḗsato kalà pédila, si allacciò i bei calzari ai piedi vigorosi.
23 amphì d' épeita daphoinòn heéssato dérma léontos Poi si avvolse sulle spalle la pelle scura di un leone
24 aíthōnos megáloio podēnekés, heíleto d' éŋkhos. focoso ed enorme, che arrivava fino a terra, e afferrò una lancia.
     
25 Hṑs d' aútōs Menélaon ékhe trómos; oudè gàr autı Anche Menélaos era in preda all'angoscia: neppure a lui
26 hýpnos epì blephároisin ephízane; mḗ ti páthoien era sceso il sonno sulle palpebre. Temeva un disastro
27 Argeîoi, toì dḕ héthen heíneka poulỳn eph' hygrḕn per gli Argeîoi: proprio a causa sua, dopo un lungo viaggio per mare
28 ḗlython es Troíēn pólemon thrasỳn hormaínontes. erano venuti a Troíē, a portare la guerra crudele.
29 pardaléēı mèn prta metáphrenon eurỳ kálypse Dapprima si coprì le larghe spalle con una pelle di pantera
30 poikílēı, autàr epì stephánēn kephalphin aeíras screziata, poi prendeva l'elmo di bronzo
31 thḗkato khalkeíēn, dóry d' heíleto kheirì pakheíēı. e se lo mise in testa; e afferrò un'asta con la mano robusta.
32 b d' ímen anstḗsōn hòn adelpheón, hòs méga pántōn Si mosse per andare a svegliare suo fratello, che era il comandante
33 Argeíōn ḗnasse, theòs d' hṑs tíeto dḗmōı. di tutti gli Argeîoi e veniva onorato dal popolo come un dio.
34 tòn d' heûr' amph' ṓmoisi tithḗmenon éntea kalà Lo trovò che si metteva indosso la bella armatura,
35 nēï̀ pára prýmnēı; tı d' aspásios génet' elthṓn. vicino alla poppa della nave; il suo arrivo fu gradito.
36 tòn próteros proséeipe boḕn agathòs Menélaos; Gli rivolse per primo la parola Menélaos, possente nel grido di guerra:
37 típhth' hoútōs ētheîe korýsseai?  tin' hetaírōn “Perché, mio caro, ti armi così? Intendi mandare qualcuno
38 otrynéeis Trṓessin epískopon? allà mál' ains dei compagni in esplorazione fra i Tres? Temo però
39 deídō mḕ oú tís toi hypóskhētai tóde érgon che nessuno sarà disposto a compiere una tale impresa,
40 ándras dysmenéas skopiazémen oîos epelthṑn di andare da solo a spiare i guerrieri nemici
41 nýkta di' ambrosíēn; mála tis thrasykárdios éstai. nella notte divina. Dovrebbe avere un bel coraggio!”.
     
42 Tòn d' apameibómenos proséphē kreíōn Agamémnōn; A lui rispondeva il sovrano Agamémnōn:
43 khreṑ bouls emè kaì sè diotrephès  Menélae Menélaos, alunno di Zeús, abbiamo bisogno io e te
44 kerdaléēs, hḗ tís ken erýssetai ēdè saṓsei di un consiglio astuto, che difenda e metta in salvo
45 Argeíous kaì nas, epeì Diòs etrápeto phrḗn. gli Argeîoi e le navi. L'animo di Zeús è cambiato.
46 Hektoréois ára mâllon epì phréna thkh' hieroîsin; Palesemente, il suo cuore gradisce di più i sacrifici di Héktōr.
47 ou gár pō idómēn, oud' éklyon audḗsantos Mai, ti confesso, ho visto né ho sentito raccontare
48 ándr' héna tossáde mérmer' ep' ḗmati mētísasthai, che un guerriero in un unico giorno provocasse tanti danni,
49 hóss' Héktōr érrhexe Diï̀ phílos huîas Akhain quanti ne ha fatto Héktōr, caro a Zeús, ai figli degli Akhaioí.
50 aútōs, oúte theâs huiòs phílos oúte theoîo. Proprio così: e non è figlio né di una dea e neppure di un dio!
51 érga d' érex' hósa phēmì melēsémen Argeíoisi Ha compiuto imprese che gli Argeîoi (ti assicuro) si ricorderanno
52 dēthá te kaì dolikhón; tósa gàr kakà mḗsat' Akhaioús. per molto tempo e a lungo: tanto male ha procurato agli Akhaioí!
53 all' íthi nŷn Aíanta kaì Idomena kálesson Ma ora vai a chiamare Aías e Idomeneús!
54 rhímpha théōn parà nas; egṑ d' epì Néstora dîon Corri alla svelta lungo le navi! Io intanto andrò
55 eîmi, kaì otrynéō anstḗmenai, aí k' ethélēısin da Néstōr divino e lo farò alzare. Spero che voglia andare
56 eltheîn es phylákōn hieròn télos ēd' epiteîlai. dalla forte schiera delle sentinelle a dare ordini.
57 keínōı gár ke málista pithoíato; toîo gàr huiòs A lui, sono certo, obbediranno di più: c'è là suo figlio,
58 sēmaínei phylákessi kaì Idomenos opáōn al comando delle guardie, e con lui c'è il compagno di Idomeneús,
59 Mēriónēs; toîsin gàr epetrápomén ge málista. Mēriónēs: a loro due affidammo questo incarico speciale”.
     
60 Tòn d' ēmeíbet' épeita boḕn agathòs Menélaos; Gli rispondeva allora Menélaos, possente nel grido di guerra:
61 ps gár moi mýthōı epitélleai ēdè keleúeis? “Che cosa intendi di preciso con questo ordine?
62 aûthi ménō metà toîsi dedegménos eis hó ken élthēıs, Devo rimanere là con loro in attesa del tuo arrivo,
63 e théō metà s' aûtis, epḕn eû toîs epiteílō? o correre di nuovo da te dopo aver riferito il tuo comando?”.
64 Tòn d' aûte proséeipen ánax andrn Agamémnōn, A lui rispose Agamémnōn, signore di popoli:
65 aûthi ménein, mḗ pōs abrotáxomen allḗloiin “Resta lì! Potremmo non incontrarci nel cammino;
66 erkhoménō; pollaì gàr anà stratón eisi kéleuthoi. sono tante, lo sai, le strade per il campo.
67 phthéŋgeo d' hı ken íēıstha kaì egrḗgorthai ánōkhthi Tu dai voce, dovunque passi, e falli svegliare!
68 patróthen ek genes onomázōn ándra hékaston Chiama ogni guerriero, secondo il lignaggio paterno,
69 pántas kydaínōn; mēdè megalízeo thymı, e rendi onore a tutti. Non mostrarti altezzoso,
70 allà kaì autoí per poneṓmetha; hdé pou ámmi anche noi qui dobbiamo darci da fare. È così: Zeús
71 Zeùs epì gignoménoisin híei kakótēta bareîan. ci ha mandato, fin dalla nascita, guai e sventure”.
   
72 Hṑs eipṑn apépempen adelpheòn eû epiteílas; Così parlava e congedò il fratello con questi ordini precisi.
73 autàr hò b rh' iénai metà Néstora poiména lan; Lui intanto si avviò per recarsi da Néstōr, pastore di popoli:
74 tòn d' heûren pará te klisíēı kaì nēï̀ melaínēı lo trovò presso la tenda e la nera nave,
75 eunı éni malakı; parà d' éntea poikíl' ékeito nel suo morbido letto. Accanto gli stavano le splendide armi:
76 aspìs kaì dýo doûre phaeinḗ te trypháleia. lo scudo, due lance, e l'elmo lucente.
77 pàr dè zōstḕr keîto panaíolos, hı rh' ho geraiòs C'era pure la cintura scintillante, che il vecchio
78 zṓnnyth' hót' es pólemon phthisḗnora thōrḗssoito si metteva in vita quando si armava per la guerra funesta,
79 laòn ágōn, epeì ou mèn epétrepe gḗraï lygrı. a capo della sua gente: non cedeva alla triste vecchiaia.
80 orthōtheìs d' ár' ep' aŋknos kephalḕn epaeíras Si appoggiò su di un gomito, sollevò la testa;
81 Atreḯdēn proséeipe kaì exereeíneto mýthōı; si rivolse all'Atreḯdēs e gli domandò:
82 tís d' hoûtos katà nas anà stratòn érkheai oîos “Chi sei tu, che vai da solo per il campo tra le navi,
83 nýkta di' orphnaíēn, hóte th' heúdousi brotoì álloi, nel buio della notte, quando dormono gli altri mortali?
84 ēé tin' ourḗōn dizḗmenos, ḗ tin' hetaírōn? Cerchi una mula o qualcuno dei compagni?
85 phthéŋgeo, mēd' akéōn ep' ém' érkheo; típte dé se khreṓ? Su, parla! Non accostarti a me in silenzio. Cosa vuoi?”.
     
86 Tòn d' ēmeíbet' épeita ánax andrn Agamémnōn; A lui rispondeva allora Agamémnōn sovrano:
87  Néstor Nēlēïádē méga kŷdos Akhain Néstōr Nēlēídēs, gloria grande degli Akhaioí,
88 gnṓseai Atreḯdēn Agamémnona, tòn perì pántōn sono io: Agamémnōn Atreḯdēs. Non mi riconosci?
89 Zeùs enéēke pónoisi diamperès eis hó k' aütmḕ Zeús mi caccia sempre nei guai, finché
90 en stḗthessi ménēı kaí moi phíla goúnat' orṓrēı. ho fiato in petto e mi reggono le ginocchia.
91 plázomai hd' epeì oú moi ep' ómmasi nḗdymos hýpnos E così vado in giro; sugli occhi il dolce sonno
92 hizánei, allà mélei pólemos kaì kḗde' Akhain. non si posa: sono in gran pena per la guerra e i lutti degli Akhaioí.
93 ains gàr Danan perideídia, oudé moi tor Ho molta paura per i Danaoí, non è tranquillo
94 émpedon, all' alalýktēmai, kradíē dé moi éxō l'animo mio, sono angosciato, il cuore mi salta
95 stēthéōn ekthrṓıskei, troméei d' hypò phaídima gyîa. fuori dal petto, mi tremano le membra.
96 all' eí ti draíneis, epeì oudè sé g' hýpnos hikánei, Ma se vuoi fare qualcosa, ora che non dormi neanche tu,
97 deûr' es toùs phýlakas katabḗomen, óphra ídōmen andiamo a vedere le sentinelle, per assicurarci
98 mḕ toì mèn kamátōı adēkótes ēdè kaì hýpnōı che, stremati dalla stanchezza e dal sonno,
99 koimḗsōntai, atàr phylaks epì páŋkhy láthōntai. non si addormentino, trascurando la guardia.
100 dysmenées d' ándres skhedòn heíatai; oudé ti ídmen I nemici sono accampati vicino. E noi non sappiamo
101 mḗ pōs kaì dià nýkta menoinḗsōsi mákhesthai. se hanno in mente di combattere anche di notte”.
     
102 Tòn d' ēmeíbet' épeita Gerḗnios hippóta Néstōr; Gli rispondeva allora Néstōr Gerḗnios, condottiero di carri:
103 Atreḯdē kýdiste ánax andrn Agámemnon Atreḯdēs glorioso, Agamémnōn signore di genti;
104 oú thēn Héktori pánta noḗmata mētíeta Zeùs su Héktōr, credo che il provvido Zeús non porterà a compimento
105 ekteléei, hósa poú nyn eélpetai; allá min oíō i suoi piani, come lui spera. Sono anzi convinto
106 kḗdesi mokhthḗsein kaì pleíosin, eí ken Akhilleùs che dovrà lamentarsi per guai maggiori, se un giorno Akhilleús
107 ek khólou argaléoio metastrépsēı phílon tor. distoglierà il suo animo dalla sua ira funesta.
108 soì dè mál' hépsom' egṓ; potì d' aû kaì egeíromen állous Eccomi, sono pronto a seguirti; svegliamo anche qualcun altro:
109 ēmèn Tydeḯdēn dourì klytòn ēd' Odysa il Tydeḯdēs glorioso per la lancia, Odysseús
110 ēd' Aíanta takhỳn kaì Phyléos álkimon huión. e il veloce Aías, e il forte figlio di Phyleús.
111 all' eí tis kaì toûsde metoikhómenos kaléseien Magari fosse possibile andare a chiamarne altri:
112 antítheón t' Aíanta kaì Idomena ánakta; Aías pari a un dio e il sovrano Idomeneús;
113 tn gàr nes éasin hekastátō, oudè mál' eŋgýs. le loro navi stanno ben lontano, non sono vicine.
114 allà phílon per eónta kaì aidoîon Menélaon Mi è caro Menélaos e lo rispetto: ma lo devo rimproverare;
115 neikésō, eí pér moi nemesḗseai, oud' epikeúsō anche se tu te la prenderai, non posso tacere.
116 hōs heúdei, soì d' oíōı epétrepsen ponéesthai. Lui dorme e ha lasciato solo a te il lavoro.
117 nŷn óphelen katà pántas aristas ponéesthai Doveva darsi da fare in mezzo a tutti i capi
118 lissómenos; khreiṑ gàr hikánetai oukét' anektós. e supplicarli. Ci premono urgenze non più rinviabili”.
   
119 Tòn d' aûte proséeipen ánax andrn Agamémnōn; A lui rispose Agamémnōn, signore di popoli:
120  géron állote mén se kaì aitiáasthai ánōga; “Vecchio, in altre occasioni ti ho detto io di rimproverarlo.
121 polláki gàr methieî te kaì ouk ethélei ponéesthai Più di una volta si trascura e non vuole darsi da fare;
122 oút' óknōı eíkōn oút' aphradíēısi nóoio, non lo fa per pigrizia o per leggerezza di mente,
123 all' emé t' eisoróōn kaì emḕn potidégmenos hormḗn. ma perché aspetta un mio cenno, attende le mie mosse.
124 nŷn d' eméo próteros mál' epégreto kaí moi epéstē; Ora invece è stato lui il primo a svegliarsi e a venire da me.
125 tòn mèn egṑ proéēka kalḗmenai hoùs sỳ metallâıs. E io l'ho mandato a chiamare gli uomini che cerchi.
126 all' íomen; keínous dè kikhēsómetha prò pyláōn Via, andiamo! Li troveremo davanti alla porta,
127 en phylákess', hína gár sphin epéphradon ēgeréthesthai. fra le sentinelle: è là che ho detto loro di radunarsi”.
   
128 Tòn d' ēmeíbet' épeita Gerḗnios hippóta Néstōr; Gli rispondeva allora Néstōr Gerḗnios, condottiero di carri:
129 hoútōs oú tís hoi nemesḗsetai oud' apithḗsei “In tal caso nessuno degli Argeîoi potrà prendersela con lui
130 Argeíōn, hóte kén tin' epotrýnēı kaì anṓgēı. o disubbidire, se li spronerà e darà loro ordini”.
131 Hṑs eipṑn éndyne perì stḗthessi khitna, Così parlando e si metteva indosso la tunica;
132 possì d' hypò liparoîsin edḗsato kalà pédila, si allacciò i bei calzari ai piedi vigorosi;
133 amphì d' ára khlaînan peronḗsato phoinikóessan poi si allacciò con la fibbia un mantello di porpora:
134 dipln ektadíēn, oúlē d' epenḗnothe lákhnē. era ampio, a doppio tessuto, vi spuntava sopra il pelo folto.
135 heíleto d' álkimon éŋkhos akakhménon oxéï khalkı, Prese infine una robusta lancia dalla punta di bronzo
136 b d' iénai katà nas Akhain khalkokhitṓnōn. e si mosse per andare tra le navi degli Akhaioí vestiti di bronzo.
   
137 prton épeit' Odysa Diì mtin atálanton Allora Néstōr Gerḗnios destò dal sonno
138 ex hýpnou anégeire Gerḗnios hippóta Néstōr per primo Odysseús, uguale a Zeús per astuzia:
139 phthegxámenos; tòn d' aîpsa perì phrénas ḗlyth' iōḗ, gli diede una voce e subito il grido arrivò al cuore di lui;
140 ek d' lthe klisíēs kaí spheas pròs mŷthon éeipe; venne fuori dalla tenda e rivolse loro la parola:
141 típhth' hoútō katà nas anà stratòn oîoi alâsthe “Perché girate da soli per il campo tra le navi,
142 nýkta di' ambrosíēn, hó ti dḕ khreiṑ tóson híkei? nella notte divina? Che cosa c'è di tanto urgente?”.
143 Tòn d' ēmeíbet' épeita Gerḗnios hippóta Néstōr; Gli rispondeva allora Néstōr Gerḗnios, condottiero di carri:
144 diogenès Laertiádē polymḗkhan' Odysseû Laertíadēs, discendente di Zeús, scaltro Odysseús,
145 mḕ nemésa; toîon gàr ákhos bebíēken Akhaioús. non irritarti! Una grande ansia opprime gli Akhaioí.
146 all' hépe', óphra kaì állon egeíromen hón t' epéoike Seguimi! Dobbiamo svegliare anche altri, chiunque sia giusto
147 boulàs bouleúein, ḕ pheugémen ēè mákhesthai. che prenda parte al consiglio per decidere se fuggire o batterci”.
     
148 Hṑs pháth', hò dè klisíēn dè kiṑn polýmētis Odysseùs Così diceva. L'accorto Odysseús rientrava nel suo alloggio;
149 poikílon amph' ṓmoisi sákos théto, b dè met' autoús. si appese a tracolla lo scudo ben lavorato e si avviò dietro a loro.
150 bàn d' epì Tydeḯdēn diomḗdea; tòn dè kíkhanon Andarono da Diomḗdēs Tydeḯdēs. Lo trovarono fuori
151 ektòs apò klisíēs sỳn teúkhesin; amphì d' hetaîroi dalla sua tenda, in armi. Intorno a lui dormivano
152 heûdon, hypò krasìn d' ékhon aspídas; éŋkhea dé sphin i suoi compagni, con gli scudi sotto la testa. Le loro lance
153 órth' epì saurōtros elḗlato, tle dè khalkòs stavano piantate al suolo dritte: la punta di bronzo da lontano
154 lámph' hṓs te steropḕ patròs Diós; autàr hó g' hḗrōs splendeva, come il lampo del padre Zeús. Anche l'eroe
155 heûd', hypò d' éstrōto rhinòn boòs agraúloio, dormiva: giaceva sopra una pelle di bue selvatico,
156 autàr hypò krátesphi tápēs tetánysto phaeinós. ma sotto la sua testa era disteso uno splendido tappeto.
157 tòn parstàs anégeire Gerḗnios hippóta Néstōr, Gli si accostava Néstōr Gerḗnios, condottiero di carri, e lo svegliò:
158 làx podì kinḗsas, ótryné te neíkesé t' ántēn; lo smuoveva con il piede, gli metteva fretta e lo sgridava:
159 égreo Tydéos huié; tí pánnykhon hýpnon aōteîs? “Svegliati, figlio di Tydeús! Cosa dormi, tutta la notte?
160 ouk aḯeis hōs Tres epì thrōsmı pedíoio Non sai che i Tres sono accampati presso le navi,
161 heíatai áŋkhi nen, olígos d' éti khros erýkei? sopra il poggio della pianura, e che poco spazio li separa da noi?”.
     
162 Hṑs pháth', hò d' ex hýpnoio mála kraipns anórouse, Così diceva: lui, di colpo, si risvegliò dal sonno
163 kaí min phōnḗsas épea pteróenta prosēúda; e, articolando la voce, gli rivolgeva parole alate:
164 skhétliós essi geraié; sỳ mèn pónou oú pote lḗgeis. “Sei terribile, vecchio! Non smetti mai di affaccendarti.
165 oú ny kaì álloi éasi neṓteroi huîes Akhain Non ci sono altri più giovani, tra i figli degli Akhaioí,
166 hoí ken épeita hékaston egeíreian basilḗōn che possano andare a svegliare, ad uno ad uno, i capi
167 pántēı epoikhómenoi? sỳ d' amḗkhanós essi geraié. affannandosi qua e là? Ma tu sei instancabile!”.
168 Tòn d' aûte proséeipe Gerḗnios hippóta Néstōr; Gli rispondeva allora Néstōr Gerḗnios, condottiero di carri:
169 naì dḕ taûtá ge pánta phílos katà moîran éeipes. “Quello che tu dici, o amico, è detto a proposito.
170 eisìn mén moi paîdes amýmones, eisì dè laoì Ho dei figli di cui non mi posso lamentare; ho schiere di uomini,
171 kaì polées, tn kén tis epoikhómenos kaléseien; anche in gran numero. E uno di loro potrebbe andarli a chiamare.
172 allà mála megálē khreiṑ bebíēken Akhaioús. Ma è ben grave la situazione che si abbatte sugli Akhaioí.
173 nŷn gàr dḕ pántessin epì xyroû hístatai akms Ora la sorte di tutti sta proprio sul filo di una lama:
174 ḕ mála lygròs ólethros Akhaioîs ēè binai. per gli Akhaioí può esserci la rovina o la salvezza.
175 all' íthi nŷn Aíanta takhỳn kaì Phyléos huiòn Vai a svegliare il veloce Aías ed il forte figlio di Phyleús
176 ánstēson; sỳ gár essi neṓteros; eí m' eleaíreis. visto che sei più giovane e hai pena per me”.
177 Hṑs pháth', hò d' amph' ṓmoisin heéssato dérma léontos Così diceva. E lui si avvolse, intorno alle spalle, una pelle di leone
178 aíthōnos megáloio podēnekés, heíleto d' éŋkhos. fulvo, enorme, che gli arrivava sino ai piedi; afferrò una lancia e si avviò;
179 b d' iénai, toùs d' énthen anastḗsas ágen hḗrōs. l'eroe faceva alzare gli altri e li portava con sé.
     
180 Hoì d' hóte dḕ phylákessin en agroménoisin émikhthen, Quando giunsero dalle sentinelle riunite,
181 oudè mèn heúdontas phylákōn hēgḗtoras heûron, non trovarono i loro capi addormentati:
182 all' egrēgortì sỳn teúkhesin heíato pántes. stavano tutti perfettamente all'erta e in armi.
183 hōs dè kýnes perì mla dysōrḗsōntai en aulı Come i cani fanno sempre la guardia intorno al bestiame,
184 thēròs akoúsantes krateróphronos, hós te kath' hýlēn dentro il muro di cinta, al sentire la belva feroce che per la boscaglia
185 érkhētai di' óresphi; polỳs d' orymagdòs ep' autı avanza scendendo dai monti: si leva un grande frastuono
186 andrn ēdè kynn, apó té sphisin hýpnos ólōlen; di uomini e di cani e a tutti va via il sonno;
187 hṑs tn nḗdymos hýpnos apò blephároiin olṓlei così a loro era svanito dalle palpebre il dolce sonno,
188 nýkta phylassoménoisi kakḗn; pedíon dè gàr aieì nel vigilare in quella notte tremenda; guardavano di continuo
189 tetráphath', hoppót' epì Trṓōn aḯoien ióntōn. la pianura, nell'ansia di sentire l'avanzare dei Tres.
   
190 toùs d' hò gérōn gḗthēsen idṑn thársyné te mýthōı A vederli, si rallegrò il vecchio e faceva loro coraggio;
191 kaí spheas phōnḗsas épea pteróenta prosēúda; articolando la voce, rivolgeva parole alate:
192 hoútō nŷn phíla tékna phylássete; mēdé tin' hýpnos “Continuate a fare la guardia, figli cari! E nessuno di voi
193 haireítō, mḕ khárma genṓmetha dysmenéessin. si lasci prendere dal sonno, per non suscitare le risa dei nemici”.
194 Hṑs eipṑn táphroio diéssyto; toì d' hám' héponto Così diceva e varcò il fossato. Andavano dietro di lui
195 Argeíōn basiles hósoi keklḗato boulḗn. i principi degli Argeîoi, che erano stati chiamati a consiglio.
196 toîs d' háma Mēriónēs kaì Néstoros aglaòs huiòs Si avviavano anche Mēriónēs e lo splendido figlio di Néstōr:
197 ḗïsan; autoì gàr káleon symmētiáasthai. erano stati invitati a prendere parte alla riunione.
198 táphron d' ekdiabántes oryktḕn hedrióōnto Al di là della fossa profonda, si misero a sedere
199 en katharı, hóthi dḕ nekýōn diephaíneto khros in un luogo sgombro, in uno spiazzo tra i corpi
200 piptóntōn; hóthen aûtis apetrápet' óbrimos Héktōr dei caduti; da lì si era ritirato il grande Héktōr
201 ollỳs Argeíous, hóte dḕ perì nỳx ekálypsen. dopo il massacro degli Argeîoi, quando era scesa la notte.
202 éntha kathezómenoi épe' allḗloisi píphauskon; Qui sedevano e si scambiavano i loro punti di vista.
   
203 toîsi dè mýthōn rkhe Gerḗnios hippóta Néstōr; Tra loro prese a parlare Néstōr Gerḗnios, condottiero di carri:
204  phíloi ouk àn dḗ tis anḕr pepíthoith' heı autoû “Amici, qualcuno di voi potrebbe avere nell'animo
205 thymı tolmḗenti metà Tras megathýmous la voglia e il coraggio di andare in mezzo ai Tres magnanimi
206 eltheîn, eí tiná pou dēḯōn héloi eskhatóōnta, e di catturare qualcuno dei nemici tra gli avamposti,
207 ḗ tiná pou kaì phmin enì Trṓessi pýthoito, o anche solo cogliere qualche discorso tra i soldati?
208 hássá te mētióōsi metà sphísin, ḕ memáasin Dobbiamo conoscere i loro piani: se intendono
209 aûthi ménein parà nēusìn apóprothen, e pólin dè rimanere nelle vicinanze delle navi, fuori dalle mura, o tornare
210 àps anakhōrḗsousin, epeì damásantó g' Akhaioús. di nuovo in città, dopo il loro successo sugli Akhaioí.
211 taûtá ke pánta pýthoito, kaì àps eis hēméas élthoi Una volta andato in ricognizione, dovrebbe tornare indietro
212 askēthḗs; méga kén hoi hypouránion kléos eíē sano e salvo. Grande sarebbe la sua gloria sotto il cielo,
213 pántas ep' anthrṓpous, kaí hoi dósis éssetai esthlḗ; tra tutti gli uomini: e riceverà inoltre una bella ricompensa.
214 hóssoi gàr nḗessin epikratéousin áristoi Ecco, tutti i principi che comandano le navi
215 tn pántōn hoi hékastos óïn dṓsousi mélainan gli daranno, uno per uno, una pecora nera
216 thlyn hypórrhēnon; tı mèn ktéras oudèn homoîon, con il suo agnello sotto: è un dono che non ha eguali.
217 aieì d' en daítēısi kaì eilapínēısi paréstai. E poi sarà sempre presente in tutti i banchetti e i conviti”.
218 Hṑs éphath', hoì d' ára pántes akḕn egénonto siōpı. Così diceva: e tutti restarono in silenzio profondo.
   
219 toîsi dè kaì metéeipe boḕn agathòs diomḗdēs; In mezzo a loro parlò Diomḗdēs, possente nel grido di guerra:
220 Néstor ém' otrýnei kradíē kaì thymòs agḗnōr Néstōr, io sento nel cuore, nell'animo audace,
221 andrn dysmenéōn dŷnai stratòn eŋgỳs eóntōn di poter penetrare nel campo dei nostri nemici così vicini:
222 Trṓōn; all' eí tís moi anḕr hám' hépoito kaì állos i Tres. Ma vorrei che venisse con me un altro compagno;
223 mâllon thalpōrḕ kaì tharsaleṓteron éstai. avrei più coraggio e sarei più sicuro.
224 sýn te dý' erkhoménō kaí te prò hò toû enóēsen Andando in due, uno vede prima dell'altro
225 hóppōs kérdos éēı; moûnos d' eí pér te noḗsēı che cosa sia meglio fare. Da solo, anche se uno è scaltro,
226 allá té hoi brássōn te nóos, leptḕ dé te mtis. la sua vista è più corta e scarso è il suo intuito”.
     
227 Hṑs éphath', hoì d' éthelon diomḗdeï polloì hépesthai. Così parlava: e in molti volevano seguire Diomḗdēs.
228 ēthelétēn Aíante dýō therápontes Árēos, Erano pronti i due Aíantes, servitori di Árēs;
229 ḗthele Mēriónēs, mála d' ḗthele Néstoros huiós, era disposto Mēriónēs e così pure il figlio di Néstōr.
230 ḗthele d' Atreḯdēs dourikleitòs Menélaos, Ne aveva voglia l'Atreḯdēs Menélaos, famoso per la lancia.
231 ḗthele d' ho tlḗmōn Odyseùs katadŷnai hómilon E pure il forte Odysseús voleva infiltrarsi nell'esercito
232 Trṓōn; aieì gár hoi enì phresì thymòs etólma. dei Tres: sempre nel suo cuore era pronto ad osare.
   
233 toîsi dè kaì metéeipen ánax andrn Agamémnōn; E tra loro parlò Agamémnōn, signore di popoli:
234 Tydeḯdē Diómēdes emı kekharisméne thymı Diomḗdēs Tydeḯdēs, amico caro,
235 tòn mèn dḕ hétarón g' hairḗseai hón k' ethélēıstha, puoi scegliere il compagno che preferisci:
236 phainoménōn tòn áriston, epeì memáasí ge polloí. il migliore tra quelli che si offrono; in molti sono disponibili;
237 mēdè sý g' aidómenos sısi phresì tòn mèn areíō non rinunciare al migliore, per un senso di riguardo
238 kalleípein, sỳ dè kheíron' opásseai aidoî eíkōn dentro di te, e non prenderne uno da meno per cortesia,
239 es geneḕn horóōn, mēd' ei basileúterós estin. in considerazione della sua stirpe: si trattasse pure di un re!”.
240 Hṑs éphat', édeisen dè perì xanthı Meneláōı. Così parlava, ma trepidava per il biondo Menélaos.
   
241 toîs d' aûtis metéeipe boḕn agathòs diomḗdēs; A loro rispose Diomḗdēs, possente nel grido di guerra:
242 ei mèn dḕ hétarón ge keleúeté m' autòn helésthai, “Se volete che io mi scelga da solo, il compagno,
243 ps àn épeit' Odysos egṑ theíoio lathoímēn, come non pensare subito al grande Odysseús?
244 hoû péri mèn próphrōn kradíē kaì thymòs agḗnōr Ha un cuore generoso ed un animo ardito
245 en pántessi pónoisi, phileî dé he Pallàs Athḗnē. in ogni sorta di imprese; e poi lo protegge pallás Athḗnē.
246 toútou g' hespoménoio kaì ek pyròs aithoménoio Se lui viene con me, anche in mezzo ad un incendio
247 ámphō nostḗsaimen, epeì períoide nosai. riusciremmo a scampare; lui se la sa cavare”.
     
248 Tòn d' aûte proséeipe polýtlas dîos Odysseús; A lui allora rispose il divino Odysseús:
249 Tydeḯdē mḗt' ár me mál' aínee mḗté ti neíkei; Tydeḯdēs, non stare a fare lodi o critiche nei miei confronti!
250 eidósi gár toi taûta met' Argeíois agoreúeis. Stai parlando agli Argeîoi, che già conoscono queste cose.
251 all' íomen; mála gàr nỳx ánetai, eŋgýthi d' ēṓs, Andiamo, piuttosto! La notte sta per finire, vicina è l'aurora.
252 ástra dè dḕ probébēke, paroíkhōken dè pléōn nỳx Le stelle sono avanti nel loro giro, la notte è trascorsa
253 tn dýo moiráōn, tritátē d' éti moîra léleiptai. per più di due terzi. Ci rimane ormai poco”.
   
254 Hṑs eipónth' hóploisin éni deinoîsin edýtēn. Così dicevano e si rivestirono con le armi da guerra;
255 Tydeḯdēı mèn dke meneptólemos Thrasymḗdēs al Tydeḯdēs l'intrepido Thrasymḗdēs dava
256 phásganon ámphēkes; tò d' heòn parà nēï̀ léleipto; una spada a doppio taglio – la sua, l'eroe l'aveva lasciata
257 kaì sákos; amphì dé hoi kynéēn kephalphin éthēke presso la nave – e il proprio scudo. Poi gli pose in capo un elmo
258 taureíēn, áphalón te kaì állophon, hḗ te kataîtyx in pelle di toro, senza cimiero e senza pennacchio: è detto kataîtyx 
259 kéklētai, rhýetai dè kárē thalern aizēn. perchè protegge la testa dei giovani robusti.
260 Mēriónēs d' Odysï dídou biòn ēdè pharétrēn Mēriónēs, a sua volta, dava a Odysseús l'arco, la faretra
261 kaì xíphos, amphì dé hoi kynéēn kephalphin éthēke e la spada. Poi gli mise in capo un elmo
262 rhinoû poiētḗn; polésin d' éntosthen himâsin fatto di cuoio. Nella parte interna era saldamente tirato
263 entétato steres; éktosthe dè leukoì odóntes con molte cinghie; all'esterno, da parte a parte, vi erano
264 argiódontos hyòs thamées ékhon éntha kaì éntha dei fitti denti di cinghiale dalle candide zanne,
265 eû kaì epistaménōs; méssēı d' enì pîlos arḗrei. disposte ad arte: il fondo era foderato di feltro.
266 tḗn rhá pot' ex Elenos Amýntoros Ormenídao Questo elmo lo aveva rubato un giorno Autólykos dalla città di *Éleon,
267 exélet' Autólykos pykinòn dómon antitorḗsas, penetrando nella solida casa di Amýntor figlio di Órmenos.
268 Skándeian d' ára dke Kythēríōı Amphidámanti; Poi lo aveva dato ad Amphidámas di Kýthēra, da portare a Skándeia.
269 Amphidámas dè Mólōı dke xeinḗïon eînai, Amphidámas lo aveva offerto a Mlos, quale dono ospitale.
270 autàr hò Mēriónēı dken hı paidì phornai; Questi a sua volta lo lasciò portare a suo figlio Mēriónēs;
271 dḕ tót' Odyssos pýkasen kárē amphitetheîsa. Quel giorno coprì e protesse il capo di Odysseús.
     
272 Tṑ d' epeì oûn hóploisin éni deinoîsin edýtēn, Dopo che ebbero entrambi vestito le armi da guerra,
273 bán rh' iénai, lipétēn dè kat' autóthi pántas arístous. si mossero per andare via e lasciarono tutti quegli eroi.
274 toîsi dè dexiòn hken erōdiòn eŋgỳs hodoîo Lungo la strada pallás Athḗnē mandò da destra
275 Pallàs Athēnaíē; toì d' ouk ídon ophthalmoîsi un airone: essi non lo videro con i loro occhi
276 nýkta di' orphnaíēn, allà klágxantos ákousan. nel buio della notte, ma ne sentirono il grido.
277 khaîre dè tı órnith' Odyseús, ērâto d' Athḗnēı; Odysseús era lieto di quel presagio e invocava Athḗnē:
278 klŷthí meu aigiókhoio Diòs tékos, hḗ té moi aieì “Ascoltami, figlia di Zeús aigíokhos, tu che sempre
279 en pántessi pónoisi parístasai, oudé se lḗthō mi stai al fianco in ogni impresa; non mi perdi mai
280 kinýmenos; nŷn aûte málistá me phîlai Athḗnē, di vista, quando agisco: ora più che mai proteggimi, Athḗnē!
281 dòs dè pálin epì nas eükleîas aphikésthai Concedici di tornare alle navi pieni di gloria,
282 rhéxantas méga érgon, hó ke Trṓessi melḗsēı. dopo aver compiuto grandi imprese: che i Tres se la ricordino!”.
283 Deúteros aût' ērâto boḕn agathòs diomḗdēs; Subito dopo pregava Diomḗdēs, possente nel grido di guerra:
284 kéklythi nŷn kaì emeîo Diòs tékos Atrytṓnē; “Adesso ascolta anche me, figlia di Zeús infaticabile!
285 speîó moi hōs hóte patrì hám' héspeo Tydéï díōı Accompagnami come già hai accompagnato a Thbai mio padre,
286 es Thḗbas, hóte te prò Akhain áŋgelos ḗıei. il divino Tydeús, quando si recò come messaggero per gli Akhaioí.
287 toùs d' ár' ep' Asōpı lípe khalkokhítōnas Akhaioús, Allora lasciò sulla riva dell'Asōpós gli Akhaioí vestiti di bronzo
288 autàr hò meilíkhion mŷthon phére Kadmeíoisi e andò a portare una proposta di pace
289 keîs'; atàr àps apiṑn mála mérmera mḗsato érga ai discendenti di Kádmos. Al ritorno compì grandi gesta
290 sỳn soì dîa theá, hóte hoi próphrassa paréstēs. con il tuo aiuto, nobile dea, perché benevola lo aiutavi.
291 hṑs nŷn moi ethélousa parístao kaí me phýlasse. Così, di buon grado stammi vicino e proteggimi!
292 soì d' aû egṑ rhéxō boûn nin eurymétōpon Io ti sacrificherò una giovenca di un anno, dalla fronte spaziosa,
293 admḗtēn, hḕn oú pō hypò zygòn ḗgagen anḗr; non domata, che nessuno ha messo ancora sotto il giogo.
294 tḗn toi egṑ rhéxō khrysòn kérasin perikheúas. E te la voglio immolare con le corna dorate”.
295 Hṑs éphan eukhómenoi, tn d' éklye Pallàs Athḗnē. Così dicevano pregando: e li ascoltò pallás Athḗnē.
296 hoì d' epeì ērḗsanto Diòs koúrēı megáloio, Dopo che ebbero supplicato la figlia del grande Zeús,
297 bán rh' ímen hṓs te léonte dýō dià nýkta mélainan si avviarono come due leoni nella notte nera,
298 àm phónon, àn nékyas, diá t' éntea kaì mélan haîma. tra la strage e i cadaveri, le armi e il sangue nero.
   
299 Oudè mèn oudè Tras agḗnoras eíasen Héktōr Ma neppure ai superbi Tres Héktōr concesse
300 heúdein, all' ámydis kiklḗsketo pántas arístous, di dormire: egli chiamò a raccolta i più valorosi,
301 hóssoi ésan Trṓōn hēgḗtores ēdè médontes; quanti erano capi e condottieri tra le truppe.
302 toùs hó ge syŋkalésas pykinḕn artýneto boulḗn; In assemblea avanzava una proposta ardita:
303 tís kén moi tóde érgon hyposkhómenos teléseie “Vi è qualcuno che, dietro grande ricompensa, si impegnerebbe
304 dṓrōı épi megálōı? misthòs dé hoi árkios éstai. a compiere una missione? Avrà un premio adeguato.
305 dṓsō gàr díphrón te dýō t' eriaúkhenas híppous Intendo dargli un carro e due cavalli superbi,
306 hoí ken áristoi éōsi thoıs epì nēusìn Akhain i migliori che ci siano presso le navi degli Akhaioí,
307 hós tís ke tlaíē, hoî t' autı kŷdos ároito, se ne ha il coraggio: e poi acquisterà gloria per se stesso.
308 nēn ōkypórōn skhedòn elthémen, ék te pythésthai Deve andare presso la flotta e informarsi
309 ēè phylássontai nes thoaì hōs tò páros per, se gli Akhaioí fanno la guardia come in passato
310  ḗdē kheíressin hyph' hēmetérēısi daméntes ovvero se, vinti ormai dalle nostre braccia,
311 phýxin bouleúousi metà sphísin, oud' ethélousi meditano tra loro la fuga, e non hanno più voglia
312 nýkta phylassémenai, kamátōı adēkótes ainı. di vigilare durante la notte, vinti da una tremenda stanchezza”.
313 Hṑs éphath', hoì d' ára pántes akḕn egénonto siōpı. Così diceva: e tutti restarono in silenzio profondo.
   
314 n dé tis en Trṓessi Dólōn Eumḗdeos huiòs C'era tra i Tres un certo Dólōn, figlio di Eumḗdēs,
315 kḗrykos theíoio polýkhrysos polýkhalkos, araldo divino: possedeva molto oro e molto bronzo;
316 hòs dḗ toi eîdos mèn éēn kakós, allà podṓkēs; era brutto di aspetto, ma veloce di piedi:
317 autàr hò moûnos éēn metà pénte kasignḗtēısin. era l'unico maschio in casa, in mezzo a cinque sorelle.
318 hós rha tóte Trōsín te kaì Héktori mŷthon éeipen; Fece un discorso ai Tres e ad Héktōr:
319 Héktor ém' otrýnei kradíē kaì thymòs agḗnōr Héktōr, sento il richiamo del cuore e l'animo audace
320 nēn ōkypórōn skhedòn elthémen ék te pythésthai. di andare io presso le navi a spiare.
321 all' áge moi tò skptron anáskheo, kaí moi ómosson Allora, alza per me lo scettro e fai giuramento
322  mèn toùs híppous te kaì hármata poikíla khalkı di donarmi i cavalli e il carro con i fregi in bronzo,
323 dōsémen, hoì phoréousin amýmona Pēleḯōna, che possiede l'irreprensibile Pēlídēs.
324 soì d' egṑ oukh hálios skopòs éssomai oud' apò dóxēs; Io sarò per te una buona spia e non ti deluderò:
325 tóphra gàr es stratòn eîmi diamperès óphr' àn híkōmai voglio avanzare dentro il campo e giungere
326 n' Agamemnonéēn, hóthi pou méllousin áristoi alla nave di Agamémnōn, dove di certo i sovrani
327 boulàs bouleúein ḕ pheugémen ēè mákhesthai. stanno decidendo se fuggire o dare battaglia”.
   
328 Hṑs pháth', hò d' en khersì skptron lábe kaí hoi ómossen; Così diceva. Héktōr prese in mano lo scettro e giurò:
329 ístō nŷn Zeùs autòs erígdoupos pósis Hḗrēs “Mi sia testimone Zeús, lo sposo tonante di Hḗrē,
330 mḕ mèn toîs híppoisin anḕr epokhḗsetai állos che nessun altro dei Tres salirà su quel carro.
331 Trṓōn, allá sé phēmi diamperès aglaïeîsthai. Solo tu, te l'assicuro, ne andrai fiero per sempre”.
332 Hṑs pháto kaí rh' epíorkon epṓmose, tòn d' oróthynen; Così diceva. Giurò a vuoto, ma riempì l'altro di ardore:
333 autíka d' amph' ṓmoisin ebálleto kampýla tóxa, questi si mise a tracolla l'arco ricurvo,
334 héssato d' éktosthen rhinòn polioîo lýkoio, si coprì con una pelle di lupo bianco,
335 kratì d' epì ktidéēn kynéēn, héle d' oxỳn ákonta, si mise un cappello di martora, afferrò una lancia aguzza
336 b d' iénai protì nas apò stratoû; oud' ár' émellen e si avviò verso le navi, fuori dal campo troiano; era destino
337 elthṑn ek nēn àps Héktori mŷthon apoísein. che non facesse più ritorno dalle navi, per riferire ad Héktōr.
   
338 all' hóte dḗ rh' híppōn te kaì andrn kálliph' hómilon, Si lasciò dietro il grosso dei guerrieri e dei cavalli
339 b rh' an' hodòn memaṓs; tòn dè phrásato prosiónta e si avviò di buona lena. Ma lo sentì avvicinarsi
340 diogenḕs Odyseús, diomḗdea dè proséeipen; Odysseús, discendente di Zeús, e diceva a Diomḗdēs:
341 hoûtós tis Diómēdes apò stratoû érkhetai anḗr, Diomḗdēs, c'è qualcuno che viene dal campo dei Tres:
342 ouk oîd' ḕ nḗessin epískopos hēmetérēısin, non so se viene a spiare le nostre navi
343  tina sylḗsōn nekýōn katatethnēṓtōn. o per depredare i corpi dei caduti.
344 all' emén min prta parexeltheîn pedíoio Prima, lasciamolo andare un poco avanti,
345 tytthón; épeita dé k' autòn epaḯxantes héloimen sul piano: poi gli saltiamo addosso e lo catturiamo
346 karpalímōs; ei d' ámme paraphthaíēsi pódessin, rapidamente. Se ci scappa, correndo,
347 aieí min epì nas apò stratóphi protieileîn sospingilo verso le navi, lontano dal campo,
348 éŋkhei epaḯssōn, mḗ pōs protì ásty alýxēı. incalzandolo con la lancia: che non scappi verso la città”.
     
349 Hṑs ára phōnḗsante parèx hodoû en nekýessi Così parlavano tra loro e si distesero per terra, fuori dal sentiero,
350 klinthḗtēn; hò d' ár' ka parédramen aphradíēısin. in mezzo ai cadaveri: e lui passò di corsa, senza pensare.
351 all' hóte dḗ rh' apéēn hóssón t' epì oûra pélontai Ma quando fu distante tanto quanto la lunghezza di un solco
352 hēmiónōn; hai gár te bon propherésteraí eisin fatto dai muli – essi sono migliori dei buoi
353 helkémenai neioîo batheíēs pēktòn árotron; nel tirare il solido aratro in un maggese profondo –
354 tṑ mèn epedramétēn, hò d' ár' éstē doûpon akoúsas. i due si misero a rincorrerlo. Egli, sentendo rumori, si fermò:
355 élpeto gàr katà thymòn apostrépsontas hetaírous credeva in cuor suo che venissero da parte dei Tres,
356 ek Trṓōn iénai pálin Héktoros otrýnantos. dei compagni a richiamarlo indietro, per un contrordine di Héktōr.
357 all' hóte dḗ rh' ápesan dourēnekès ḕ kaì élasson, Non appena però furono a un tiro di lancia o anche meno,
358 gn rh' ándras dēḯous, laipsērà dè goúnat' enṓma riconobbe in loro dei guerrieri nemici e mosse di scatto le gambe
359 pheugémenai; toì d' aîpsa diṓkein hormḗthēsan. per fuggire; quelli presero subito a inseguirlo.
360 hōs d' hóte karkharódonte dýō kýne eidóte thḗrēs Come quando due cani dai denti aguzzi, abili alla caccia,
361 ḕ kemád' ēè lagōòn epeígeton emmenès aieì rincorrono un cerbiatto o una lepre senza tregua,
362 khron an' hylḗenth', hò dé te prothéēısi memēkṓs, in una zona boscosa, e la bestia fugge avanti gridando:
363 hṑs tòn Tydeḯdēs ēd' hò ptolíporthos Odysseùs così il Tydeḯdēs e Odysseús distruttore di città
364 laoû apotmḗxante diṓketon emmenès aieí. lo inseguivano, tagliandogli la strada verso la sua gente.
365 all' hóte dḕ tákh' émelle migḗsesthai phylákessi Stava quasi per giungere dalle sentinelle,
366 pheúgōn es nas, tóte dḕ ménos émbal' Athḗnē nella sua fuga verso le navi, quand'ecco che Athḗnē diede energia
367 Tydeḯdēı, hína mḗ tis Akhain khalkokhitṓnōn al Tydeḯdēs: non voleva che uno degli Akhaioí vestiti di bronzo
368 phthaíē epeuxámenos baléein, hò dè deúteros élthoi. avesse il vanto di colpirlo per primo, e lui arrivasse dopo.
369 dourì d' epaḯssōn proséphē krateròs diomḗdēs; Il forte Diomḗdēs lo incalzava con la lancia e gridava:
370 ēè mén' ēé se dourì kikhḗsomai, oudé sé phēmi “Férmati o ti colpisco con la lancia! Non credere
371 dēròn ems apò kheiròs alýxein aipỳn ólethron. di poter scampare da una morte rapida per mano mia”.
372  rha kaì éŋkhos aphken, hekṑn d' hēmártane phōtós; Così disse e scagliò la lancia: fallì il colpo di proposito.
373 dexiteròn d' hypèr mon eǘxou douròs akōkḕ La punta dell'asta ben levigata sorvolava la spalla destra
374 en gaíēı epágē; hò d' ár' éstē tárbēsén te e si conficcò in terra: e lui si arrestò, terrorizzato.
375 bambaínōn; árabos dè dià stóma gígnet' odóntōn; Balbettava, gli si sentiva battere i denti in bocca:
376 khlōròs hypaì deíous; tṑ d' asthmaínonte kikhḗtēn, era verde dalla paura. Quei due ansimando lo raggiunsero
377 kheirn d' hapsásthēn; hò dè dakrýsas épos ēúda; e lo afferrarono per le braccia. Lui scoppiò in lacrime e disse:
378 zōgreît', autàr egṑn emè lýsomai; ésti gàr éndon “Catturatemi vivo ed io mi riscatterò! In casa mia possiedo
379 khalkós te khrysós te polýkmētós te sídēros, oro e bronzo e ferro ben lavorato.
380 tn k' ýmmin kharísaito patḕr apereísi' ápoina Mio padre vi darà un immenso riscatto per liberarmi,
381 eí ken emè zōòn pepýthoit' epì nēusìn Akhain. se sa che sono ancora in vita presso le navi degli Akhaioí”.
     
382 Tòn d' apameibómenos proséphē polýmētis Odysseús; Gli rispose allora l'accorto Odysseús:
383 thársei, mēdé tí toi thánatos katathýmios éstō. “Fatti coraggio e non pensare alla morte!
384 all' áge moi tóde eipè kaì atrekéōs katálexon; Dimmi, piuttosto, e parla con franchezza:
385 pı dḕ hoútōs epì nas apò stratoû érkheai hoîos perché te ne vai tutto solo, lontano dal campo, verso le navi
386 nýkta di' orphnaíēn, hóte th' heúdousi brotoì álloi? nel buio della notte, quando dormono gli altri mortali?
387 ḗ tina sylḗsōn nekýōn katatethnēṓtōn? Forse per spogliare qualcuno dei soldati caduti?
388  s' Héktōr proéēke diaskopiâsthai hékasta O ti ha mandato Héktōr ad esplorare tutto,
389 nas épi glaphyrás?  s' autòn thymòs anke? accanto alla nostra flotta? O sei venuto qui di tua iniziativa?”.
     
390 Tòn d' ēmeíbet' épeita Dólōn, hypò d' étreme gyîa; A lui rispondeva allora Dólōn, con le ginocchia tremanti:
391 pollısín m' átēısi parèk nóon ḗgagen Héktōr, “È stato Héktōr a farmi uscir di testa con le sue follie.
392 hós moi Pēleḯōnos agauoû mṓnykhas híppous Mi ha promesso di darmi i cavalli muniti di zoccoli
393 dōsémenai katéneuse kaì hármata poikíla khalkı, e il carro con i fregi in bronzo del nobile figlio di Pēleús.
394 ēnṓgei dé m' iónta thoḕn dià nýkta mélainan E mi spingeva a partire nella notte scura e fugace;
395 andrn dysmenéōn skhedòn elthémen, ék te pythésthai dovevo venire presso i nemici e informarmi
396 ēè phylássontai nes thoaì hōs tò páros per, se le navi sono sorvegliate come in passato,
397  ḗdē kheíressin hyph' hēmetérēısi daméntes ovvero se, vinti ormai dalle nostre braccia,
398 phýxin bouleúousi metà sphísin, oud' ethélousi meditate tra voi la fuga, e non avete più voglia
399 nýkta phylassémenai, kamátōı adēkótes ainı. di vigilare durante la notte, vinti da una tremenda stanchezza”.
     
400 Tòn d' epimeidḗsas proséphē polýmētis Odysseús; Gli rispose sorridendo l'accorto Odysseús:
401  rhá ný toi megálōn dṓrōn epemaíeto thymòs “Il tuo cuore brama doni davvero importanti:
402 híppōn Aiakídao daḯphronos; hoì d' alegeinoì i cavalli del bellicoso Aiakídēs! È una dura impresa
403 andrási ge thnētoîsi damḗmenai ēd' okhéesthai domarli e guidarli, per gli uomini mortali,
404 állōı g' ḕ Akhilï, tòn athanátē téke mḗtēr. ad accezione di Akhilleús che ha una madre immortale.
405 all' áge moi tóde eipè kaì atrekéōs katálexon; Dimmi, piuttosto, e parla con franchezza:
406 poû nŷn deûro kiṑn lípes Héktora poiména lan? venendo qui, dove hai lasciato Héktōr pastore di popoli?
407 poû dé hoi éntea keîtai arḗïa, poû dé hoi híppoi? E dove sono le sue armi da guerra? Dove sono i suoi cavalli?
408 ps daì tn állōn Trṓōn phylakaí te kaì eunaí? Dove sono i corpi di guardia degli altri Tres, i loro alloggiamenti?
409 hássá te mētióōsi metà sphísin, ḕ memáasin E che piani fanno tra di loro? Intendono
410 aûthi ménein parà nēusìn apóprothen, e pólin dè rimanere nelle vicinanze delle navi, fuori dalle mura, o torneranno
411 àps anakhōrḗsousin, epeì damásantó g' Akhaioús. di nuovo in città, dopo il loro successo sugli Akhaioí?”.
     
412 Tòn d' aûte proséeipe Dólōn Eumḗdeos huiós; Gli rispose allora Dólōn, figlio di Eumḗdēs:
413 toì gàr egṓ toi taûta mál' atrekéōs kataléxō. “Ti dirò con esattezza ogni cosa.
414 Héktōr mèn metà toîsin, hósoi boulēphóroi eisí, Héktōr tiene consiglio là, insieme ai capi,
415 boulàs bouleúei theíou parà sḗmati Ílou accanto al monumento sepolcrale del divino Ilo,
416 nósphin apò phloísbou; phylakàs d' hàs eíreai hḗrōs lontano da ogni rumore. Quanto alle sentinelle di cui mi chiedi,
417 oú tis kekriménē rhýetai stratòn oudè phylássei. non c'è nessun corpo speciale, a protezione e a guardia del campo.
418 hóssai mèn Trṓōn pyròs eskhárai, hoîsin anáŋkē Quanti sono i fuochi del bivacco dei Tres, cui stringe il bisogno,
419 hoî d' egrēgórthasi phylassémenaí te kélontai altrettanti sono gli uomini svegli: si incitano a vicenda
420 allḗlois; atàr aûte polýklētoi epíkouroi a tenere gli occhi aperti; invece gli alleati, che sono stranieri,
421 heúdousi; Trōsìn gàr epitrapéousi phylássein; se la dormono. Lasciano ai Tres il compito di fare la guardia.
422 ou gár sphin paîdes skhedòn heíatai oudè gynaîkes. Non hanno figli, loro, né stanno qui vicino le loro donne”.
     
423 Tòn d' apameibómenos proséphē polýmētis Odysseús; Gli rispondeva allora l'accorto Odysseús:
424 ps gàr nŷn Trṓessi memigménoi hippodámoisin “Dove dormono? Assieme ai Tres domatori di cavalli
425 heúdous'  apáneuthe? díeipé moi óphra daeíō. o in un luogo a parte? Spiegati bene, voglio sapere tutto”.
     
426 Tòn d' ēmeíbet' épeita Dólōn Eumḗdeos huiós; Gli rispose allora Dólōn, figlio di Eumḗdēs:
427 toì gàr egṑ kaì taûta mál' atrekéōs kataléxō. “Ti dirò con esattezza ogni cosa.
428 pròs mèn halòs Kâres kaì Paíones aŋkylótoxoi Dalla parte del mare ci sono i Kâres, i Paíones dagli archi ricurvi,
429 kaì Léleges kaì Kaúkōnes dîoí te Pelasgoí, i Léleges, i Kaúkōnes e i Pelasgoí divini.
430 pròs Thýmbrēs d' élakhon Lýkioi Mysoí t' agérōkhoi Verso Thýmbrē stanno i Lýkioi e i fieri Mysoí,
431 kaì Phrýges hippómakhoi kaì Mḗıones hippokorystaí. i Phrýges domatori di cavalli e i Mḗıones dagli elmi con la criniera.
432 allà tí ḕ emè taûta diexeréesthe hékasta? Ma perché mi domandate tutti questi particolari?
433 ei gàr dḕ mématon Trṓōn katadŷnai hómilon Se intendete gettarvi nella massa dei Tres,
434 Thrḗïkes hoîd' apáneuthe neḗlydes éskhatoi állōn; ci sono i Thrḗïkes arrivati da poco, proprio all'estremo del campo:
435 en dé sphin Rhsos basileùs páïs Ēïonos. tra loro c'è il re Rhsos, figlio di Ēionos.
436 toû dḕ kallístous híppous ídon ēdè megístous; Ha i cavalli più belli e più grossi che io abbia mai visto:
437 leukóteroi khiónos, theíein d' anémoisin homoîoi; sono più bianchi della neve, uguagliano i venti nella corsa.
438 hárma dé hoi khrysı te kaì argýrōı eû ḗskētai; E poi ha un cocchio intarsiato in oro e argento.
439 teúkhea dè khrýseia pelṓria thaûma idésthai È venuto qui con un'armatura d'oro, straordinaria,
440 ḗlyth' ékhōn; tà mèn oú ti katathnētoîsin éoiken una meraviglia a vedersi: non sembra fatta
441 ándressin phoréein, all' athanátoisi theoîsin. per gli uomini mortali, ma per gli dèi immortali.
442 all' emè mèn nŷn nēusì pelásseton ōkypóroisin, Ma adesso portatemi alle rapide navi.
443 ēé me dḗsantes lípet' autóthi nēléï desmı, Oppure lasciatemi qui, dopo avermi legato con un nodo sicuro:
444 óphrá ken élthēton kaì peirēthton emeîo così potrete andare e sincerarvi
445 ēè kat' aîsan éeipon en hymîn, e kaì oukí. se vi ho detto la verità oppure no”.
     
446 Tòn d' ár' hypódra idṑn proséphē krateròs diomḗdēs; Guardandolo torvo, gli rispose il gagliardo Diomḗdēs:
447 mḕ dḗ moi phýxín ge Dólōn embálleo thymı; “Non metterti in testa, Dólōn, di scamparla!
448 esthlá per aŋgeílas, epeì híkeo kheîras es hamás. Anche se hai detto il vero, sei caduto nelle nostre mani.
449 ei mèn gár ké se nŷn apolýsomen ēè methmen, Se ora ti liberiamo e ti lasciamo andare,
450  te kaì hýsteron eîstha thoàs epì nas Akhain sono certo che verrai ancora tra le navi degli Akhaioí,
451 ēè diopteúsōn ḕ enantíbion polemíxōn; per spiare o per combattere in campo aperto.
452 ei dé k' emıs hypò khersì dameìs apò thymòn oléssēs, Se invece perdi la vita, colpito dal mio braccio,
453 oukét' épeita sỳ pmá pot' ésseai Argeíoisin. non sarai più un fastidio per gli Argeîoi”.
454 , kaì hò mén min émelle geneíou kheirì pakheíēı Così disse; l'altro stava per toccargli il mento con la mano
455 hapsámenos líssesthai, hò d' aukhéna mésson élasse per supplicarlo: ma lui lo colpì nel mezzo del collo,
456 phasgánōı aḯxas, apò d' ámphō kérse ténonte; avventandosi con la spada, e gli recise i due tendini;
457 phtheŋgoménou d' ára toû ge kárē koníēısin emíkhthē. cercava ancora di parlare e la sua testa rotolò tra la polvere.
458 toû d' apò mèn ktidéēn kynéēn kephalphin hélonto Gli tolsero il cappello di martora dal capo,
459 kaì lykéēn kaì tóxa palíntona kaì dóry makrón; la pelle di lupo, l'arco ricurvo e la lunga lancia.
   
460 kaì tá g' Athēnaíēı lēḯtidi dîos Odysseùs Il divino Odysseús levò le spoglie in alto con la mano,
461 hypsós' anéskhethe kheirì kaì eukhómenos épos ēúda; in onore di Athḗnē predatrice, e disse pregando:
462 khaîre theà toîsdessi; sè gàr prṓtēn en Olýmpōı “Accetta volentieri, o dea, queste offerte! A te per prima faremo doni
463 pántōn athanátōn epidōsómeth'; allà kaì aûtis Tra tutti gli immortali di Ólympos. Ma ora, di nuovo,
464 pémpson epì Thrēıkn andrn híppous te kaì eunás. guidaci ai cavalli e agli alloggiamenti dei Thrḗïkes!”.
465 Hṑs ár' ephṓnēsen, kaì apò héthen hypsós' aeíras Così diceva e, sollevate in alto le spoglie,
466 thken anà myríkēn; déelon d' epì smá t' éthēke le appese ad un tamarisco. Ci mise un segnale riconoscibile,
467 symmárpsas dónakas myríkēs t' erithēléas ózous, stringendo insieme delle canne e i rami rigogliosi della pianta:
468 mḕ láthoi aûtis iónte thoḕn dià nýkta mélainan. non poteva sfuggire loro, al ritorno, nella notte acura e fugace.
   
469 tṑ dè bátēn protérō diá t' éntea kaì mélan haîma, Entrambi ripresero la via, attraverso le armi e il sangue nero,
470 aîpsa d' epì Thrēıkn andrn télos hîxon ióntes. e ben presto giunsero all'accampamento dei Thrḗïkes.
471 hoì d' heûdon kamátōı adēkótes, éntea dé sphin Quelli dormivano, vinti dalla fatica: accanto, le loro armi
472 kalà par' autoîsi khthonì kéklito eû katà kósmon splendide giacevano a terra, bene in ordine,
473 tristoikhí; parà dé sphin hekástōı dízyges híppoi. su tre file distinte; ognuno aveva vicino una pariglia di cavalli.
474 Rhsos d' en mésōı heûde, par' autı d' ōkées híppoi Rhsos dormiva nel mezzo della schiera: accanto, i cavalli veloci
475 ex epidiphriádos pymátēs himâsi dédento. erano legati per le redini all'estremità del cocchio.
476 tòn d' Odyseùs propároithen idṑn diomḗdeï deîxen; Odysseús lo vide per primo e lo indicò a Diomḗdēs:
477 hoûtós toi Diómēdes anḗr, hoûtoi dé toi híppoi, Diomḗdēs, ecco il guerriero, ecco i cavalli
478 hoùs nïn píphauske Dólōn hòn epéphnomen hēmeîs. di cui ci parlava quel Dólōn che abbiamo ucciso.
479 all' áge dḕ próphere krateròn ménos; oudé tí se khrḕ Tira fuori tutta la tua forza! Non è bene
480 hestámenai méleon sỳn teúkhesin, allà lý' híppous; che tu stia qui, in armi, senza agire. Slega i cavalli!
481 ēè sý g' ándras énaire, melḗsousin d' emoì híppoi. Oppure fai strage di soldati e agli animali penserò io”.
     
482 Hṑs pháto, tı d' émpneuse ménos *glaukpis Athḗnē, Così disse. Athḗnē glaukpis gli mise addosso il furore,
483 kteîne d' epistrophádēn; tn dè stónos órnyt' aeikḕs lui si mise ad uccidere all'impazzata. Si levava il lamento
484 áori theinoménōn, erythaíneto d' haímati gaîa. per quei colpi di spada, la terra era rossa di sangue.
485 hōs dè léōn mḗloisin asēmántoisin epelthṑn Come un leone che trovi gli animali senza pastore,
486 aígesin ḕ oḯessi kakà phronéōn enoroúsēı, un gregge di capre o pecore, e si avventa con ferocia;
487 hṑs mèn Thrḗïkas ándras epṓıkheto Tydéos huiòs così assaliva i guerrieri thrḗïkes il figlio di Tydeús:
488 óphra dyṓdek' épephnen; atàr polýmētis Odysseùs dodici ne uccise; intanto l'accorto Odysseús,
489 hón tina Tydeḯdēs áori plḗxeie parastàs via via che il Tydeḯdēs accostava e colpiva con la spada
490 tòn d' Odyseùs metópisthe labṑn podòs exerýsaske, prendeva i corpi per i piedi e li tirava da parte.
491 tà phronéōn katà thymòn hópōs kallítrikhes híppoi Aveva in mente questo, che i cavalli dalla bella criniera
492 rheîa diélthoien mēdè tromeoíato thymı potessero passare facilmente, senza imbizzarrirsi
493 nekroîs ambaínontes; aḗthesson gàr ét' autn. nel calpestare i morti: non erano ancora abituati.
494 all' hóte dḕ basila kikhḗsato Tydéos huiós, Quando alla fine il figlio di Tydeús raggiunse il basileús,
495 tòn triskaidékaton meliēdéa thymòn apēúra per tredicesimo gli tolse la dolce vita,
496 asthmaínonta; kakòn gàr ónar kephalphin epéstē mentre smaniava (un brutto sogno incombeva si di lui
497 tḕn nýkt' Oineḯdao páïs dià mtin Athḗnēs. quella notte: era la visione dell'Oineḯdēs; così voleva Athḗnē).
498 tóphra d' ár' hò tlḗmōn Odyseùs lýe mṓnykhas híppous, Intanto il paziente Odysseús scioglieva i cavalli muniti di zoccoli,
499 sỳn d' ḗeiren himâsi kaì exḗlaunen homílou li legava insieme con le redini e li spingeva fuori dalla calca
500 tóxōı epiplḗssōn, epeì ou mástiga phaeinḕn sferzandoli con l'arco: non aveva pensato a prendere
501 poikílou ek díphroio noḗsato khersìn helésthai; la lucida frusta dal carro intarsiato.
502 rhoízēsen d' ára piphaúskōn diomḗdeï díōı. Poi con un fischio avvertiva il divino Diomḗdēs.
     
503 Autàr hò mermḗrize ménōn hó ti kýntaton hérdoi, Questi era indeciso su quale impresa compiere:
504 ḕ hó ge díphron helṓn, hóthi poikíla teúkhe' ékeito, se afferrare il carro, con sopra le splendide armi,
505 rhymoû exerýoi ḕ ekphéroi hypsós' aeíras, tirandolo per il timone o portandolo fuori di peso,
506  éti tn pleónōn Thrēıkn apò thymòn héloito. oppure togliere la vita a tanti altri Thrḗïkes.
507 heîos hò taûth' hṓrmaine katà phréna, tóphra d' Athḗnē Mentre pensava tra sé e sè, ecco che Athḗnē
508 eŋgýthen histaménē proséphē diomḗdea dîon; gli si mise accanto e disse al divino Diomḗdēs:
509 nóstou dḕ mnsai megathýmou Tydéos huiè “Figlio del grande Tydeús, ora pensa a fare ritorno
510 nas épi glaphyrás, mḕ kaì pephobēménos élthēıs, alle navi, ricurve! Non tornare mentre fuggi:
511 mḗ poú tis kaì Tras egeírēısin theòs állos. qualche altro dio potrebbe svegliare i Tres”.
512 Hṑs pháth', hò dè xynéēke theâs ópa phōnēsásēs, Così diceva: e dalle parole lui riconobbe la voce della dea.
513 karpalímōs d' híppōn epebḗseto; kópse d' Odysseùs Allora prontamente salì sui cavalli; Odysseús li sferzò con l'arco
514 tóxōı; toì d' epétonto thoàs epì nas Akhain. e quelli volarono al galoppo verso le rapide navi degli Akhaioí.
   
515 Oud' alaoskopiḕn eîkh' argyrótoxos Apóllōn Ma non era sbadata la guardia di Apóllōn dall'arco d'argento.
516 hōs íd' Athēnaíēn metà Tydéos huiòn hépousan; Quando vide Athḗnē aiutare il figlio di Tydeús,
517 tı kotéōn Trṓōn katedýseto poulỳn hómilon, si arrabbiò con lei e penetrò tra la folla immensa dei Tres;
518 rsen dè Thrēıkn boulēphóron Hippokóōnta qui svegliò un principe dei Thrḗïkes, Hippokóōn,
519 Rhḗsou anepsiòn esthlón; hò d' ex hýpnou anoroúsas il valoroso cugino di Rhsos. Lui si svegliò
520 hōs íde khron ermon, hóth' héstasan ōkées híppoi, e, come vide il terreno vuoto (dove prima stavano i cavalli veloci)
521 ándrás t' aspaírontas en argaléēısi phonısin, e i corpi contorcersi in mezzo all'orrenda strage,
522 ṓımōxén t' ár' épeita phílon t' onómēnen hetaîron. proruppe in urla e lamenti e chiamava per nome il compagno.
523 Trṓōn dè klaŋgḗ te kaì áspetos rto kydoimòs Si levò in mezzo ai Tres un lamento ed un immenso clamore:
524 thynóntōn ámydis; thēeûnto dè mérmera érga tutti accorrevano in massa e guardavano lo scempio
525 hóss' ándres rhéxantes éban koílas epì nas. compiuto dai guerrieri, fuggiti poi verso le navi ricurve.
     
526 Hoì d' hóte dḗ rh' híkanon hóthi skopòn Héktoros éktan, I due eroi giungevano nel luogo dove avevano ucciso la spia di Héktōr.
527 énth' Odyseùs mèn éryxe Diï̀ phílos ōkéas híppous, Odysseús caro a Zeús fermò i rapidi cavalli,
528 Tydeḯdēs dè khamâze thorṑn énara brotóenta il Tydeḯdēs saltò a terra, mise in mano al compagno
529 en kheíress' Odysï títhei, epebḗseto d' híppōn; le spoglie insanguinate: poi balzò a cavallo,
530 mástixen d' híppous, tṑ d' ouk aékonte petésthēn diede una sferzata ai cavalli e questi di buona lena volarono
531 nas épi glaphyrás; tı gàr phílon épleto thymı. sino alle navi ricurve: non vedevano l'ora di arrivare.
     
532 Néstōr dè prtos ktýpon áïe phṓnēsén te; Néstōr per primo sentì lo scalpitio e disse:
533  phíloi Argeíōn hēgḗtores ēdè médontes “Amici, condottieri e capi degli Argeîoi,
534 pseúsomai,  étymon eréō? kéletai dé me thymós. forse mi sbaglierò, forse dirò il vero: ma lo voglio dire.
535 híppōn m' ōkypódōn amphì ktýpos oúata bállei. Mi giunge all'orecchio lo scalpitio di cavalli in corsa.
536 aì gàr dḕ Odyseús te kaì hò krateròs diomḗdēs Sarebbe bello se i cavalli muniti di zoccoli guidassero
537 hd' áphar ek Trṓōn elasaíato mṓnykhas híppous; velocemente Odysseús e il forte Diomḗdēs dal campo dei Tres.
538 all' ains deídoika katà phréna mḗ ti páthōsin Ma ho in cuore il grande timore che sia successo qualcosa
539 Argeíōn hoì áristoi hypò Trṓōn orymagdoû. ai più prodi degli Argeîoi, nel frastuono di un assalto nemico”.
540 Oú pō pân eírēto épos hót' ár' ḗlython autoí. Non aveva ancora finito di parlare che quelli arrivarono:
541 kaí rh' hoì mèn katébēsan epì khthóna, toì dè kharéntes balzavano giù a terra e gli altri, pieni di gioia,
542 dexiı ēspázonto épessí te meilikhíoisi; li accoglievano con abbracci e parole cordiali.
543 prtos d' exeréeine Gerḗnios hippóta Néstōr; Il primo a far domande era Néstōr Gerḗnios, condottiero di carri:
544 eíp' áge m'  polýain' Odyseû méga kŷdos Akhain “Dimmi, o glorioso Odysseús, grande vanto degli Akhaioí,
545 hóppōs toûsd' híppous lábeton katadýntes hómilon come avete fatto a prendere questi cavalli? Vi siete infiltrati
546 Trṓōn,  tís sphōe póren theòs antibolḗsas. fra i Tres o vi è venuto incontro un dio a offrirveli?
547 ains aktínessin eoikótes ēelíoio. Assomigliano ai raggi del sole, tanto sono splendidi.
548 aieì mèn Trṓess' epimísgomai, oudé tí phēmi Io mi scontro sempre con i Tres, posso dire
549 mimnázein parà nēusì gérōn per eṑn polemistḗs; che non sto in ozio accanto alle navi, anche se sono anziano:
550 all' oú pō toíous híppous ídon oudè noḗsa. ma cavalli uguali a questi non ne ho mai visti.
551 allá tin' ýmm' oḯō dómenai theòn antiásanta; Ve li ha dati un dio che vi è venuto incontro:
552 amphotérō gàr sphï phileî nephelēgeréta Zeùs entrambi siete amati da Zeús adunatore di nembi
553 koúrē t' aigiókhoio Diòs glaukpis Athḗnē. e dalla figlia di Zeús aigíokhos, Athḗnē glaukpis”.
     
554 Tòn d' apameibómenos proséphē polýmētis Odysseús; A lui rispondeva allora il saggio Odysseús:
555  Néstor Nēlēïádē méga kŷdos Akhain Néstōr Nēlēïádēs, grande gloria degli Akhaioí,
556 rheîa theós g' ethélōn kaì ameínonas ēé per hoîde un dio se vuole può facilmente donare
557 híppous dōrḗsait', epeì ḕ polỳ phérteroí eisin. cavalli anche migliori di questi: essi sono molto più potenti di noi.
558 híppoi d' hoîde geraiè neḗlydes hoùs ereeíneis Ma questi cavalli, vecchio, se vuoi saperlo,
559 Thrēḯkioi; tòn dé sphin ánakt' agathòs diomḗdēs sono arrivati da poco: vengono dalla Thrákē. Il valoroso Diomḗdēs
560 éktane, pàr d' hetárous dyokaídeka pántas arístous. ha ucciso il loro padrone e dodici suoi compagni, tra i più valorosi.
561 tòn triskaidékaton skopòn heílomen eŋgýthi nēn, Il tredicesimo lo abbiamo ucciso accanto alle navi: era una spia.
562 tón rha dioptra stratoû émmenai hēmetéroio Lo aveva mandato avanti, a vedere il nostro campo,
563 Héktōr te proéēke kaì álloi Tres agauoí. Héktōr insieme agli altri nobili Tres”.
564 Hṑs eipṑn táphroio diḗlase mṓnykhas híppous Così diceva e spinse oltre il fossato i cavalli muniti di zoccoli,
565 kaŋkhalóōn; háma d' álloi ísan khaírontes Akhaioí. esultando di gioia: con lui andavano allegri gli altri Akhaioí.
   
566 hoì d' hóte Tydeḯdeō klisíēn eútykton híkonto, Quando giunsero alla tenda ben costruita del Tydeḯdēs,
567 híppous mèn katédēsan eütmḗtoisin himâsi legarono i cavalli con le briglie ben rifinite
568 phátnēı eph' hippeíēı, hóthi per diomḗdeos híppoi alla mangiatoia, dove già stavano i cavalli
569 héstasan ōkýpodes meliēdéa pyròn édontes; veloci di Diomḗdēs, intenti a mangiare il dolce frumento.
570 nēï̀ d' enì prymnı énara brotóenta Dólōnos Odysseús mise sopra la poppa della nave le spoglie sanguinanti
571 thk' Odyseús, óphr' hiròn hetoimassaíat' Athḗnēı. di Dólōn, in attesa di preparare il sacrificio ad Athḗnē.
572 autoì d' hidr pollòn apenízonto thalássēı Poi i due eroi in mare si detersero il sudore abbondante,
573 esbántes knḗmas te idè lóphon amphí te mēroús. le gambe, il collo e le cosce, dopo essersi tuffati.
574 autàr epeí sphin kŷma thalássēs hidr pollòn E dopo che l'onda del mare gli ebbe tolto il sudore
575 nípsen apò khrōtòs kaì anépsykhthen phílon tor, dalle membra ed essi si furono ristorati,
576 és rh' asamínthous bántes eüxéstas loúsanto. si immersero in vasche ben levigate e fecero il bagno.
577 tṑ dè loessaménō kaì aleipsaménō líp' elaíōı Così si lavavano e si ungevano con olio abbondante;
578 deípnōı ephizanétēn, apò dè krētros Athḗnēı quindi sedettero a banchetto, attingendo dal cratere pieno:
579 pleíou aphyssómenoi leîbon meliēdéa oînon. facevano libagioni ad Athḗnē con vino dolce come il miele.
     
Download

Liberamente scaricabile, la traduzione originale di Daniele Bello con antroponimi e toponimi in italiano. Il testo è liberamente utilizzabile per tutti gli usi non commerciali.
Per il disclaimer, fare riferimento alla pagina Avviso.

Libro X. 271 kb

Bibliografia
  • ARRIGHETTI 1996. Graziano Arrighetti, Cosmologia mitica di Omero ed Esiodo. In «Studi classici e orientali», XV. 1966.
  • CALZECCHI ONESTI 1950. Omero, Iliade, versione di Rosa Calzecchi Onesti. Einaudi [1950] 1990.
  • CANTARELLA 1967. Raffaele Cantarella, La letteratura della Grecia classica. Sansoni, Firenze / Accademia, Milano 1967.
  • DEL CORNO ~  DEL CORNO 2001. Dario e Lia Del Corno, Nella terra del mito. Mondadori, Milano 2001.
  • DEVOTO ~ NOCENTINI 1936. Giovanni Devoto, Alberto Nocentini, La lingua omerica e il dialetto miceneo. Sansoni, Firenze [1936] 1975.
  • DUCHEMIN 1995. Jacqueline Duchemin, Mythes grecs et soucers orientales. Les Belles Lettres, Paris 1995.
  • FERRARI 1990. Anna Ferrari, Dizionario di mitologia classica. UTET, Torino 1990. Tea, Milano 1994.
  • GRAVES 1955. Robert Graves, Greek Myths. 1955. ID., I miti greci. Longanesi, Milano 1979.
  • GUIDORIZZI 2009. Giulio Guidorizzi, Letteratura greca. Vol. 1, L'età arcaica. Einaudi, Torino 2009.
  • KERÉNYI 1951-1958. Kerényi Károly, Die Mythologie der Griechen I-II. 1951-1958. ID., Gli dèi e gli eroi della Grecia. Il Saggiatore, Milano 1963. Mondadori, Milano 1997-1998.
  • KRAFFT 1963. Fritz Krafft, Vergleichende Untersuchungen zu Homer und Hesiod. Vandenhoeck & Ruprecht, Göttingen 1963.
  • MONACO ~ CASERTANO ~ NUZZO 1997. Giusto Monaco, Mario Casertano, Gianfranco Nuzzo, L'attività letteraria nell'antica Grecia. Storia della letteratura greca. Palumbo, Palermo 1997.
  • PENGLASE 1994. Charles Penglase. Greek Myths and Mesopotamia. Parallels and influence in the Homeric Hymns and Hesiod. Routledge, London / New York 1994. → ID. Dall'Ekur all'Ólympos. ECIG, Genova 1997.
BIBLIOGRAFIA ►
  ILIÁS
Rapsōdía Ι
    ILIÁS
Rapsōdía Λ
 
Archivio: Biblioteca - Guglielmo da Baskerville
Sezione: Fonti - Nabū-kudurri-uṣur
Area: Ellenica - Odysseús
Traduzione di Daniele Bello.
Creazione pagina: 19.04.2017
Ultima modifica: 06.05.2017
 
POSTA
© BIFRÖST
Tutti i diritti riservati