BIBLIOTECA

CELTI
Irlandesi

MITI CELTICI
LEBOR GABÁLA ÉRENN
POEMA
V
«Athair cáich, Coimsid Nime»
«Padre di tutti, Signore del Cielo»
LEBOR GABÁLA ÉRENN
Lebor Gabála Érenn. Saggio
► 1. Dalla creazione del mondo...
► Poemi:   I II III IV V
      VI VII VIII IX
2. Origine dei Gaeli
3. Muintir Cessrach
4. Muintir Parthóloin
5. Clanna Nemid
6. Fir Bolg
7. Túatha Dé Danann
8. Meic Míled
Avviso
POEMA V - Saggio
POEMA V - Testo
Note
Bibliografia
LEBOR GABÁLA ÉRENN
V
«Athair cáich, Coimsid Nime»
«Padre di tutti, Signore del Cielo»

Il poema V del Lebor Gabála Érenn è un lungo componimento che ricapitola la storia sacra della Bǝrēʾšîṯ, seppur con vaste e varie intrusioni da fonti apocrife, ricchissima di dettagli curiosi e vivide scene, senza nemmeno ignorare qualche sottigliezza teologica. Di questa composizione esistono due versioni, contenute in vari manoscritti, pur senza importanti varianti. Il metro è il debide scáilte (tranne le strofe 23 e 49 in debide imrind), con allitterazioni [conachlann] tra la parola finale di una quartina e quella iniziale della successiva (allitterazioni che scompaiono comunque dopo la settima quartina).

In: Lebor Gabála Érenn R3 [I: 1].

LEBOR GABÁLA ÉRENN
V
«Athair cáich, Coimsid Nime»
«Padre di tutti, Signore del Cielo»
     
1 Athair cáich, Coimsid Nime,
in Rí úasal ainglige,
ár Cuingid, ár Coimde, ár Cend
cen tús, cen crích, cen forcend.
Padre di tutti, Signore del Cielo,
il Re nobile e angelico,
nostro Campione, nostro Protettore, nostro Capo,
senza inizio, senza fine, senza termine.
2 Ferr ná cach rí in Rí raith
lasndernad in maiss mór-maith,
gráda Nime, cáem in cloth,
aráen issin cét Domnoch.
Migliore di ogni re, il Re di Grazia
dal quale fu fatta l'ottima materia,
gli ordini celesti, fulgida la fama,
tutti insieme la prima domenica.
3 Delbais secht nime sin Lúan,
sin Mairt muir, talum tond-búan;
sin Chétain, esca is gréin nglé;
neóil is eóin Dia Dardáine.
Fece i sette cieli il lunedì,
il martedì il mare, la solida terraferma;
il mercoledì la luna e il sole lucente;
le nuvole e gli uccelli il giovedì.
4 Duine ro delbad íarsin,
debrad! isin n-Áenditin,
tucad, etir chois is cend,
assin doman cáem coitchend.
L'uomo, che fu plasmato poi,
proprio così!, di venerdì,
fu preso, dai piedi alla testa,
dalla pura comunissima terra.
5 Gniomrad in tseisedh laoi láin,
aisneidfed dúibh sin deg-dáil,
anmann' in talman, thíar tair,
an deilb n-ill-dathaig nAdhaim.
Le azioni di tutto il sesto giorno;
dovrei riferirti in buona compagnia;
le bestie della terra, occidente e oriente,
l'aspetto di Ádam, vivido il colorito.
6 Cend Adaim airdirc co hóg
tucad a tir maith Malón:
is tairis tégaid amach
srotha Parrduis co bladach.
La testa del famoso Ádam perfettamente
fu presa dalla terra buona di Malón,
attraverso la quale sgorgano
i fiumi del Paradiso con meraviglia.
 
7 Bruinde ind fir hAróin aird,
a bru a Baibiloin bith-gairg,
a chossa a Labain lér-blá,
a sliasta a tír Gogoma.
Il petto dell'uomo da Arón in alto,
il ventre da Baibilon sempre violenta,
le gambe da Laban, terra notevole,
le cosce dalla terra di Gogoma.
8 Trí tráth d'Adum cen anmain
íar n-a chruthugud do talmain;
ardáig Fir do baí trí tráth
cen anmain n-a churp cháem-gnáth.
Tre giorni stette Ádam senza vita
dopo essere stato plasmato dalla terra;
si erse l'Uomo dopo tre giorni
senza vita nel suo corpo splendido.
9 Triar ro chruthaig a chor cáin
íar n-érge dó n-a bethaid,
allus d'usce, ba dia deóin,
tess tened, tinfed áeoir.
La Trinità plasmò il suo fulgido sembiante
dopo che lui sorse alla vita;
il sudore dall'acqua, fu questa la Sua volontà,
il calore dal fuoco, il respiro dall'aria.
 
10 Adaig Adaim fíal in feth
sair ar sléib Parrduis Partech;
ro altuig fhaicsin gréine
tar mullach in mór sleibe.
La notte di Ádam , dolce il riposo,
ad est del Pairtech, il monte del Paradiso;
diede il benvenuto al sole
dalla cima della grande montagna.
11 «Adraim, adraim thusa, a Dé!»
is é Cèt-guth do ráid sé:
ac fhaicsin Eua áine,
and dorigne a chet-gáire.
«Ti adoro, Ti adoro, o Dio!»
queste le prime parole che pronunciò;
quando vide la nobile Éba
fece allora la prima risata.
12 A chét-imthecht, cáine guis
co tobar Pairtech Parrduis:
a chét-rith, rem co ndaithe
do dechsain na hénlaithe.
La sua prima passeggiata, bellezza e forza,
alle sorgenti del Pairtech in Paradiso:
la sua prima corsa, con rapido movimento,
per osservare gli uccelli.
13 Cóic lá déc, ní lúad sáeb,
d'Adam is d'Eua maráen,
co toracht demon do ním
dia saigid i nÁenditin.
Quindici giorni, non è storia vana,
Ádam ed Éba stettero insieme,
finché un dèmone di male azioni (?)
li raggiunse, di venerdì.
14 Delb nathrach, corp áeoir séim
tuc leis diabul sin droich-réim:
litri trias ro chan, ní as líach,
Iae, Uau, Iae 7 Íath.
Forma di serpe, corpo d'aria sottile,
prese il diavolo un malvagio sentiero:
furono le lettere del sortilegio, triste evento,
hē, wāw, hē e yōd.
15 Atá sund in fáth, rofess,
ar a n-apar: «Clé sech dess»:
ar is í in lám chlé chrom
ro riged cosin uboll.
Questa è la ragione, perfetta scienza,
perché si dice: «la sinistra dopo la destra»:
perché fu la mano sinistra, perversa,
a venir protesa verso la mela.
16 Íar n-imarbus dóib, nír dlecht,
ro laite i tír n-aird nÉgept:
remes trí mís íarsin maidm
rusbiath ruséit ind áen-phailm.
Dopo il peccato, cosa non lecita,
vennero cacciati nell'illustre terra d'Égipt:
tre mesi dopo la trasgressione
cibo e vestiti forniva un'unica palma.
17 Ro coimpred Cáin, nír chían;
ro coimpred, rucan Abíal;
do Cháin chrín in cachta,
ro len gním na mallachta.
Fu concepito Cáin, non tardi;
fu concepito e partorito Áibil;
a Cáin indebolito in ceppi, (?)
l'impresa votata alla sventura.
 
18 Lotar d'id pairt dá reithe
Abél, Cáin nír chleithe;
nochor indraic leis in Ríg
in idpairt ruc leis Cáin.
Andarono a offrire due arieti,
Abél, e Cáin non certo nobile:
non considerò meritevole il Re
l'offerta che gli aveva portato Cáin.
19 Táinic rath ruithne Ríg grían
forsin idpairt ruc Aibíal:
dé ro lín formad is ferg
Cáin colach na cláen-cherd.
Scese la grazia fulgida del Re dei soli
sull'offerta che aveva portato Abél:
fu allora invidioso e colmo di livore
Cáin empio dalla maestria perversa.
 
20 Rogab Cáin n-a láim luind
lecain cintaig in chamuill:
co hAibél léim co luindi,
conid ro marb d'áen-builli.
Prese Cáin nella mano selvaggia
la mascella colpevole d'un cammello:
su Abél balzò con violenza
così che lo uccise con un colpo solo.
21 Tuc Seth a láim re lecain
ac faicsin fola in phecaid:
'sé shin in fer cen urchra
arar fás in chét-ulcha.
Seth stese la mano a quella mascella
scorgendo il sangue della colpa:
è lui l'uomo senza mancanze
sul quale per primo crebbe una barba.
22 Adberait rind na heólaig,
lucht in écnai il-cheólaig,
nach fhásait na clocha ó chéin,
ó'n ló rosfer fuil Aibéil.
Gli eruditi ci narrano,
gente saggia di melodia infinita,
che da tanto tempo non crescono le rocce,
dal giorno che le irrorò il sangue di Abél.
23 Rogabsat secht ccnuic íar sain
for Cáin, íarsin fingail;
cnoc cechtar a dá chos cain,
is dá chnoc for a lámaib.
Dopo ciò sette piaghe comparvero
su Cáin, dopo il fratricidio,
una piaga su ciascuno dei candidi piedi,
e due piaghe sulle sue mani.
 
24 Cnoc ina étan, mo núar,
is cnoc cechtar a dá grúad:
tar chnoc a étain, ro-líach,
in t-uball tarlaic Laimiach.
Una piaga sulla fronte, ahimé!,
e una piaga su ciascuna guancia:
nella piaga in fronte, grande sventura!,
[lo colpì] la mela che lanciò Laimíach.
25 Laimíach dígamus cen gái
is é cét-fher thuc dá mnái:
leis dorochair Cáin crom
dia tarlaic fair in uboll.
Laimíach bigamo senza falsità,
fu il primo uomo a prendere due donne:
a causa sua cadde il perverso Cáin,
quando gli scagliò addosso la mela.
 
26 Dá mac Laimíach, láechda a mbríg,
Iubal is Tubalcháin:
Iubal fuair cruit in cara,
Tubalcháin in cét-goba.
I due figli di Laimíach, di valorosa forza,
Iubal e Tubalcháin:
Iubal inventò le arpe amichevoli, (?)
Tubalcháin fu il primo fabbro.
 
27 Edpairt Abéil, mar adclos
rucad dia éis i Parrdos;
is é sin in rethe rán
tucad dar cenn mac nApram.
Il sacrificio di Abél, come è stato udito,
fu accolto dopo di lui in Paradiso;
fu davvero uno splendido ariete
quello offerto al posto dei figli [sic] di Abrám.
28 Crocenn ind rethe sin ríam
riacht d'Abrám íar nAbíal:
itches im Críst cen chinaid,
ic fosaic día desciplaib.
La pelle di quell'ariete in precedenza
era giunta ad Abrám dopo Abél;
fu vista presso Críst, senza fallo,
quand'Egli lavò per i suoi discepoli.
29 Daisia fa sead ainm in chroind
co torad n-imda n-áloind,
a Muig Aron a Parrdus,
día ndernad in t-imarbus.
Daisia, questo era il nome dell'albero
che dava molti e meravigliosi frutti
nella pianura di Arón in Paradiso,
presso il quale fu commesso il peccato.
30 A hocht cethrachat nói cét
is míle, ní himarbrécc,
ó ré ind Adaim chétna cain
co hAprám, cossin n-athair.
Otto e quaranta anni, novecento
e un migliaio, non è finzione,
dal tempo dello stesso fulgido Ádam
ad Abrám, nostro padre.
 
31 Tricha nói cét bliadan mbán
sáegal Adaim ria imrád:
deich mbliadan, risin uile,
sáegal a mná mong-buide.
Trenta e novecento anni splendidi,
fu la vita di Ádam si possono annoverare;
dieci anni, più tutti quelli,
fu la vita della sua sposa bionda.
32 Sáegal Seith is eól dam sin,
a cúig déc ar nói cétaibh:
cúig bliadna nói cet ro clos
no co rug in t-éc Enos.
La vita di Seth, ho questa conoscenza,
quindici anni più novecento:
cinque anni e novecento, è stato udito,
finché la morte portò via Enós.
33 Deich mbliadan nói cét, cen cráid,
áes meic Enosa, Caináin:
nói cét acht a cúic, co mblaid,
sáegal Malaleith mór-glain.
Dieci anni e novecento, senza biasimo,
l'età del figlio di Enós, Cainán;
novecento tranne cinque, è risaputo,
la vita di Malalael, purissimo.
 
34 Cúic bliadna sescat, nói cét
do Iareth ría ndul i n-éc:
trí chét sescat a cúic ro clos
d'Enóc ría ndul i Parrtos.
Cinque anni, sessanta, novecento
a Iareth prima che andasse a morte;
trecento sessanta e cinque, è stato udito,
a Enóc prima che andasse in Paradiso.
35 Ochtmoga bliadan co mblaid
ocus nói cét do bliadnaib,
is é sin in sáegal seng
tucad do Mathasalem.
Ottanta anni, grande fama,
più novecento anni ancora,
questa è la vita, assai lunga,
che fu concessa a Mathasalem.
36 Sáegal Laimíac, lúaiter lat,
secht cét a cúic sechtmogat:
sáegal Nóe, nóeb a blad,
caeca ar nói cétaib bliadan.
La vita di Laimíc, menzionata a te,
settecento anni, cinque e settanta;
la vita di Nóe, santa la sua fama,
fu cinquanta più novecento anni.
37 Trí meic d'Adam ca mbái cland:
Seth, Sile, Cáin cláen-cam:
a teora mná, búadach bríg!,
Olla, Pip, 7 Pithíp.
Tre figli di Ádam ebbero progenie:
Seth, Sile, Cáin depravato e perverso:
le loro tre mogli, forza vittoriosa!,
Olla, Pip e Pithíp.
38 Trí meic Nóe nair cech neirt,
Sem, Cam, Iafeth aurdairc:
is re Cam, calad cíape,
ro scarad ind airdríge.
Tre figli del nobile Nóe, con ogni forza,
Sem, Cham, Iafeth glorioso:
da Cham, con tutta la sua fermezza,
fu suddivisa la regalità suprema.
 
39 Cata Rechta ba ben Sem,
Cata Chasta ben Iafeth,
Cata Flauia, co ngrád ngrinn,
ainm mná Caim, nocho celim.
Cata Rechta, fu sposa di Sem,
Cata Chasta, sposa di Iafeth,
Cata Flavia, con dolce affetto,
il nome della sposa di Cham, non lo nascondo.
40 Cam ro gab i nAffraicc n-ait,
Iafeth rogab i nEoraip;
ní chelar duinne, dar Día!,
Sem rogab uile i nAisía.
Cham si stabilì nella gradevole Africa,
Iafeth si stabilì in Europa;
non sia celato agli uomini, per Dio!
Sem si stabilì completamente in Asia.
41 Tricha cined, rád nglan nglé,
cinsit ó Cham mac Noé:
a secht fichit, fuil ó Sem,
a cúic déc ó Iafeth.
Trenta razze, detto chiaro e puro,
nacquero da Cham figlio di Nóe:
ventisette discesero da Sem,
quindici da Iafeth.
42 I Sléib Radruip aided Séim;
bás Iafeth i Sléib Arméin;
i Sléib Raphan, rád nglan nglé,
ro-thatham Cam meic Noé.
Su Sliab Radruip il destino di Sem;
la morte di Iafeth su Sliab Arméin;
su Sliab Rafán, detto chiaro e puro,
il gran sonno di Cham figlio di Nóe.
43 Airde hairce, baile itá
tricha cubat cutroma;
trí ché cubat i n-a fat;
n-a lechet cóica cubat.
L'altezza dell'Arca, dimora che si levava
per trenta misuratissimi cubiti;
trecento cubiti in lunghezza;
in larghezza, cinquanta cubiti.
 
44 Óen-chubat 'n-a tigi thair,
itir fid is bidumain:
bidumain uimpi cen brón,
día muig 7 día medón.
Un cubito di misura orientale,
[fatto] con legno e bitume:
bitume che, senza rimpianto (?),
[era spalmato] dentro e fuori.
45 A doras asan sliss sóer,
amail ro ordaig Noé nóem;
dáig ro oslaiced a tóeb thair
ár Críst, ár Cenn, ár n-Athair.
La sua porta fuori dal lato libero,
come aveva stabilito Nóe santo;
ché Egli la volle aperta sul fianco a oriente,
nostro Críst, nostro Capo, nostro Padre.
 
46 Trí cóecait míle co mbúaid
airde Thuir noithig Nemrúaid,
cáeca míle tar chech leth
rogab in Tor trén rígthech.
Tre volte cinquanta miglia vittoriose,
l'altezza della Torre famosa di Nemrúad;
cinquanta miglia su ogni lato
misurava la possente Torre reale.
47 Trí cethrair trí fichit, fír,
áirem thoisech is trén-ríg
lasandernad thoir in Tor,
im Nemrúad, im Nabcodon.
Tre volte quattro uomini e tre ventine, in verità,
il computo dei capi e dei possenti re
che innalzarono a oriente la Torre,
inclusi Nemrúad e Nabcodon.
48 Im Assur, im Ibad n-ard,
im Laitin is im Longbard,
im Grécus, im Gomer nglé
im Éber mór mac Saile.
Inclusi Assur e Ibáth nobile,
Laitin e Longbard,
Grécus e Gomer radioso,
Éber il grande figlio di Sale.
 
49 Im Boidb, im Britus cen brath,
im German is im Garad,
im Scithus, im Gothus nglan,
im Dardan, Sardan solam.
Inclusi Bodb e Britus senza inganno,
German e Garad,
Scithus, Gothus puro,
Dardan, Sardan rapido.
 
50 Rí na talman is na tor
in Rí sínes cach sáegol,
búanaided mo chruth, mo chlí
cid óen in t-abb sa' t-airdrí.
Re del mondo e dei sovrani,
il Re che prolunga ogni vita,
preservi il mio sembiante, il mio corpo,
pur se sia lo stesso per l'abate e il re supremo.
 
51 Ro scáilti na bérla dóib
do tráetad Nemrúaid nert-móir;
7 ro trascrad in Tor,
comad ísligthe a n-úabor.
Da loro i linguaggi furono dispersi,
ché erano sudditi a Nemrúad, gran potenza;
e venne rovesciata la Torre,
così fu umiliata la loro arroganza.
 
52 Cóic bliadna cethrachat cain,
míle secht cét do bliadnaib,
ó thosach domain co n-úaill,
no co torchair Tor Nemrúaid.
Cinque anni e quaranta, splendenti,
un migliaio settecento anni,
dal superbo principio del mondo
fino al crollo di Tór Nemrúaid.
 
53 I m-Maig Senair, íarsin Tor,
ro tinólad in chóem-scol,
sin chathraig Ibiténa,
do foglaim na n-il-bérla.
In Mag Senar, dopo la Torre,
fu fondata la fulgida scuola,
nella città di Ibiténa,
per imparare le numerose lingue.
54 Eólaig na mbérla, is blad bind
ar a n-érgna nostuirmim,
im Féinius Farsaid co rath,
7 im Chai cain-brethach.
Questi esperti nelle lingue, fama melodiosa,
per la loro scaltrezza li enumero:
incluso Féinius Farsaid con grazia
e Cai dalle giuste sentenze.
 
55 Hiruath, Nenual bráthair Niúil,
7 Gáedel mac Ethiúir,
Dauid 7 Loth na land,
Saliath, Nabgadon, Forand.
Iruath, Nenual fratello di Nél,
e Gáedel figlio di Ethéor,
David, e Loth delle lame,
Saliath, Nabcodon, Forann.
56 Talemon, Cainan, ní chel,
Caleph, Mored, Gad, Gomer,
Etrochius, Bel, Bobel binn,
Ossi, Iessu, Iochim.
Talemon, Cainan, non è cosa occulta,
Caleph, Mored, Gad, Gomer,
Etrochius, Bel, Bobel melodioso,
Ossi, Iessu, Iochim.
 
57 Hidomus is Ordmor ard,
Achab is Ruben ro-garg,
Humelchus, Ionan án,
Affraim, Srú, Iar mac Nemán.
Idomus e Ordmor nobile,
Achab e Ruben assai rude,
Umelchus, Ionan brillante,
Affraim, Srú, Iar figlio di Nemá.
 
58 Nél mac Féiniusa nír bfann
luid i nÉigept, co Forann;
i ferann Éigept íartain,
rucad Gáidel ár n-athair.
Nél figlio di Féinius, senza debolezze,
andò in Éigipt, presso Forann;
nella terra d'Éigipt, più tardi,
nacque Gáedel nostro padre.
 
       

NOTE

1 (b) Il secondo verso, nel secondo dei due testi del Lebor Gabála Érenn contenuti nel ms. M (Lebor Mór Lecáin), è diverso: Mac maith Muire ingine,«Buon figlio di Maria figlia». Cfr. il dantesco «Vergine madre, figlia del tuo figlio» (Paradiso [XXXIII: ]).

2 (b) Maiss, la materia caotica dei primordi, dalla quale venne tratto l'universo. — (c) Gráda Nime «ordini del Cielo», cioè le schiere degli angeli.

3 (d) Neóil «nuvole» è qui introdotto semplicemente per creare un'assonanza con eóin «uccelli».

4 (b) Debrad è un'interiezione assertiva, di incerta etimologia. Abbiamo tradotto «proprio così!» ma, ad esempio, nella traduzione di Macalister è lasciata in originale (Macalister 1932). — (d) Cáem «splendido, chiaro, fulgido» è un aggettivo che Macalister traduce in inglese con fair, ma non ha un preciso corrispettivo in italiano e che quindi, in questa traduzione, verrà via via reso secondo il contesto. In questo caso traduciamo con «puro».

5 — Questa quartina, che compare soltanto nei mss. E e P, è probabilmente spuria, come anche dimostra il fatto che interrompe il conachlann, le allitterazioni tra l'ultima parola di una quartina e la parola iniziale della successiva, che riprendono dalla strofa seguente. — (a) Deg-dáil «buona compagnia» è evidentemente la compagnia che sta ascoltando la storia. — (d) Letteralmente: «il sembiante vividamente colorato di Ádam».

6-7 — Cfr. nota a R2 [I: 4] [NOTA]►.

8 — (a) Tráth in irlandese significa «ora, tempo». La presente traduzione con «giorno» è suggerita da Macalister in riferimento alla permanenza di Cristo nella tomba per tre giorni (Macalister 1932). — Che Āḏām sia rimasto senza vita per qualche tempo è una credenza popolare presente nella letteratura apocrifa. In una leggenda musulmana, dopo che Allah ebbe formato Āḏām raccogliendo la terra dalle differenti parti del mondo, lo lasciò senza vita per quaranta giorni – altri dicono per quarant'anni – mentre agli Angeli e ai ǧinn veniva riferita la notizia che si apprestassero a onorarlo, non appena Allāh gli avesse insufflato il Suo respiro nelle narici.

10 — (b) Del Pairtech, la grande montagna del Paradiso (che troveremo ancora citata al verso 12b), non sembra esservi alcun riferimento nella letteratura apocrifa. L'unica altra attestazione di questa montagna, sempre in ambito irlandese, è nella storia della creazione presente nel Lebor Brecc, dove compare nella forma Pariath.

11 — (a) L'inno di lode e ringraziamento che Adamo innalzò a Dio subito dopo essere stato creato, è un luogo comune della letteratura apocrifa. Nel Pirqî Rabbî Ẹlîʿāzār, un testo della letteratura midrašica, si legge che, non appena Āḏām contemplò la creazione, esclamò: «Quanto sono grandi, o Signore, le tue opere!» (Ṯǝhillîm [91: ]). — (d) Riguardo alla gioia di Āḏām alla vista di Ḥawwāh, cfr. nota a R2 [I: 9] [NOTA]►.

12 — (d) Poiché nella letteratura apocrifa non sembrano esservi collegamenti tra Āḏām e gli uccelli, l'unica possibile interpretazione di questo passo è che Āḏām si recasse a osservare gli uccelli per dare a essi un nome. Secondo la tradizione, poiché gli angeli si scoprirono incapaci di dare un nome agli animali e a tutti gli esseri della creazione, Dio li fece sfilare davanti ad Adamo, il quale a ciascuno assegnò il proprio nome. La Chronographía di Geṓrgios Sýŋkellos fornisce addirittura la data in cui questo avvenne: fu il primo aprile, ottavo giorno del mese di Nîsān, terzo giorno della creazione di Āḏām. O almeno, quel giorno Āḏām diede un nome alle bestie selvatiche, il giorno successivo alle mandrie e agli armenti, il giorno successivo agli uccelli, poi agli animali che strisciano, e via dicendo. (Macalister 1932)

13 — (d) In tutti i manoscritti si legge do ním, che non solo rende zoppicante il metro, ma è anche sgrammaticato. Macalister ha proposto di emendare in do gním (genitivo plurale) «di male azioni» (Macalister 1932).

14 — (d) , wāw, e yōḏ sono le lettere che compongono il Tetragrámmaton [יהוה], il nome ebraico di Dio, la cui lettura convenzionale è Yahweh, essendo la pronuncia originale protetta da tabù linguistico. È probabile che l'autore del componimento non avesse tuttavia alcuna conoscenza della scrittura e della lingua ebraica, e abbia desunto la grafia del Tetragrámmaton da qualche fonte priva di commenti esplicativi, tanto è vero che – ignorando che la scrittura ebraica decorre da destra a sinistra – riporta le quattro lettere come appaiono scritte da sinistra a destra, quindi con decorso inverso a quello della scrittura originale. L'idea alla base della dotta citazione è comunque che il diavolo abbia ottenuto il suo potere utilizzando proprio la conoscenza del Nome divino.

15 — Un mito eziologico atto a spiegare la superiorità della mano destra nei confronti della sinistra. Nel racconto della creazione contenuto nel ms. H.ii.5, custodito nel Trinity College di Dublino, si legge: «Ádam mangiò la mela e poi fu nudo, e perciò la mano sinistra venne dopo la destra, perché era stata la mano sinistra a venir protesa verso la mela» [Ro hiomuil imorro Adaṁ an t-uḃall ⁊ ro bad tarnocht dá éis, ⁊ les ta laṁ chle seochus laṁ ḋeas ann, mar as í an laṁ chle sineaḋ chum an uḃaill]. È comunque improbabile che quest'idea derivi dalla letteratura apocrifa.

16 — (b) L'espulsione di Āḏām ed Ḥawwāh in Egitto non trova riscontro nella letteratura apocrifa, dove in genere è Damasco il luogo del loro esilio. — (d) L'impiego della palma per cibo e vestiti suggerisce che il poeta la confondesse con il fico.

18 — (a) Il poeta evidentemente dimentica che soltanto Hẹbẹl aveva sacrificato «primogeniti del suo gregge», mentre Qayin aveva offerto le «primizie della terra» (Bǝrēʾšîṯ [IV: -]).

20 — (b) Cfr. nota a R1 [I: 6] [NOTA]►.

21 — (d) Šēṯ fu il primo uomo sul quale crebbe una barba, poiché è presumibile che Āḏām fosse stato creato già barbuto e che Hẹbẹl fosse morto troppo giovane per avere la barba; in quanto a Qayin, un elemento della punizione che Dio gli diede fu proprio di non avere una barba (come rivela una glossa della traduzione del Bǝrēʾšîṯ presente nella redazione R3 del Lebor Gabála Érenn, qui omessa). Ma nessuna fonte afferma che Šēṯ fu testimone dell'omicidio di Hẹbẹl, anzi, secondo la tradizione Šēṯ, il «figlio della consolazione», fu generato soltanto molti anni dopo quel misfatto.

22 — (c-d) Che le rocce «crescano» è un motivo presente in molte tradizioni popolari. Che esse abbiano smesso di crescere da quando vennero intrise del sangue di Abele, è una leggenda che si trova anche in altre fonti medievali.

24-25 — Riguardo alla morte di Qayin la letteratura apocrifa fornisce diversi racconti. Nel Sēẹr ha-Yôḇēlîm, il «Libro dei Giubilei» etiopico, si narra invece che Qayin morì nel crollo della sua casa: poiché aveva ucciso Hẹbẹl con una pietra morì colpito a sua volta da una pietra. La versione più nota vuole tuttavia che Qayin venisse accidentalmente ucciso dal suo discendente Lemeq. Benché Lemeq fosse cieco, continuava ad andare a caccia, guidato dal figlio Tûḇālqayin. Costui, avvistando la preda, aiutava il padre a mirare. Un giorno Tûḇālqayin avvertì Lemeq che qualcosa si muoveva nella boscaglia: Lemeq tese l'arco e il figlio aggiustò la mira: la freccia volò e trafisse il bersaglio. Ma quando Tûḇālqayin corse a raccogliere la presunta preda, scoprì che la freccia aveva ucciso un uomo con un corno che gli spuntava dalla testa. Lemeq capì di aver ucciso il suo antenato Qayin, a cui Dio aveva posto quale segno della sua maledizione proprio un corno in mezzo alla fronte e, agitando le mani nella sua disperazione, inavvertitamente colpì il figlioletto Tûḇālqayin, uccidendo anche lui. La versione riferita dal poeta irlandese, per la quale Lemeq/Laimíach avrebbe scagliato contro Qayin/Cáin non una freccia, bensì una mela, colpendolo proprio nella piaga sulla fronte e uccidendolo, non sembra appartenere ad alcun apocrifo dell'Antico Testamento.

27 — Se l'interpretazione del testo è corretta, l'ariete che sostituì Yiṣḥāq nel sacrificio che Dio aveva ordinato ad Aḇrāhām, sarebbe stato il medesimo ariete che Hẹbẹl aveva offerto al Signore. Questo strano racconto non sembra tuttavia derivato da alcuna fonte conosciuta.

28 — (c-d) I versi fanno apparentemente riferimento all'episodio di Gesù che lava i piedi ai suoi discepoli (Euaŋgélion katà Iōánnēn [XIII: -]). Nel caso l'interpretazione fosse corretta, la relazione di quest'episodio con la pelle dell'ariete non sarebbe comunque molto chiara, a meno che la pelle stessa non vada identificata con l'asciugatoio utilizzato da Gesù.

29 — Questa strofa sembra fuori posto: la sua collocazione originale era probabilmente subito dopo la strofa 15. — (a) Il nome dell'albero del Paradiso, che qui è Daisia, non sembra attingere in alcuna tradizione conosciuta. In una delle tarde versioni del Thenga Bithnua, la «Lingua della vita nuova», l'albero è detto Deachuimhan. In un testo etiopico, il Mašafa Mestira Samay Wamedr, o «Libro dei misteri del cielo e della terra», scritto da Abba Giyorgis di Segla (XIV sec.), l'albero è chiamato Sezen. — (c) Difficile capire che cosa e dove sia la pianura di Arón, a cui si è già accennato nel verso 7a come il luogo da cui Dio trasse la terra con la quale plasmò il petto di Adamo. Secondo Macalister, questa fantomatica pianura sarebbe sorta da un errore di lettura della parola ʿĒḏẹn, nella quale la lettera dālẹṯ [ד] sarebbe stata letta come rēš [ר] (Macalister 1932).

30 ― Una strofa parallela a questa, sebbene diversa nel computo degli anni, è citata da Seathrún Céitinn nel Foras feasa ar Éirinn. Céitinn ne assegna la provenienza a un poema di cui riporta l'incipit: «Áḋaṁ aṫair sruiṫ ár slóġ», «Ádam, padre, sorgente delle moltitudini»:

A hoċt seaċtṁoġad céim glan,
míle agus naoi gcéad bliaḋan,
ó ré Áḋaiṁ ċuanna, ċain,
go gein Abráim ár n-Aṫair.
Otto e settanta, chiaramente contiamo,
un migliaio e novecento anni,
dal tempo di Ádam, virtuoso e giusto,
sino alla nascita di Abrám nostro padre.
Seathrún Céitinn: Foras feasa ar Éirinn [I: , 2]

31 — (c) Che Ḥawwāh sia sopravvissuta ad Āḏām è generalmente ammesso dalla letteratura apocrifa, anche se non vi è accordo su quanto sia stata lunga la sua vedovanza. Secondo il poeta irlandese, dunque, Ḥawwāh sarebbe vissuta novecentoquaranta anni, cioè dieci anni più dei novecentotrenta di Āḏām. Per le età dei patriarchi, cfr. nota a R3 [I: 8] [NOTA]►.

32 — (b) Secondo la Bǝrēʾšîṯ, Šēṯ sarebbe vissuto 912 anni. Il poeta irlandese qui porta la sua esistenza a 915 anni, probabilmente a causa di un errore di trascrizione che ha alterato la cifra romana da DCCCCXII a DCCCCXV. Vi è così una contraddizione con la traduzione in irlandese della Bǝrēʾšîṯ riportata in R3, dove la durata della vita di Šēṯ/Seth è erroneamente ridotta a 612 anni. Nel secondo dei due testi del Lebor Gabála Érenn contenuti nel ms. M (Lebor Mór Lecáin), il testo del poema V è stato conformato alla versione in prosa. Per le età dei patriarchi, cfr. nota a R3 [I: 8] [NOTA]. 

34 — (a) Secondo la Bǝrēʾšîṯ, la vita di Yereḏ durò 962 anni, ma l'autore del componimento ne porta l'esistenza a 965 anni. Anche qui bisogna ipotizzare un errore di trascrizione che ha alterato la cifra romana da DCCCCLXII a DCCCCLXV. Per le età dei patriarchi, cfr. nota a R3 [I: 8] [NOTA].

35 — (a-b) Secondo la Bǝrēʾšîṯ, Mǝṯûšelaḥ sarebbe vissuto 969 anni (è il record di longevità dei patriarchi). L'autore del nostro componimento parla invece di 980 anni. I mss. M e U del Lebor Gabála Érenn sostituiscono tuttavia sechtmoga «settanta» a ochtmoga «ottanta», riducendo la durata della vita di Mǝṯûšelaḥ/Mathasalem a 970 anni: una cifra più prossima a quello canonico. Per le età dei patriarchi, cfr. nota a R3 [I: 8] [NOTA]►.

36 — (b) Secondo la Bǝrēʾšîṯ, Lemeq visse 777 anni (nella versione ebraica) o 753 (nella traduzione greca dei Settanta). L'autore del componimento afferma invece che Lemeq/Laimíc visse 775 anni. La correzione a 757 anni, presente nel manoscritto H, è anch'essa priva di fondamento. Nel ms. U si trova uno scolio vergato posteriormente in cui si cerca di ricondurre l'età di Lemeq al dato canonico. Per le età dei patriarchi, cfr. nota a R3 [I: 8] [NOTA]►.

37 Sile, figlio di Ádam, e Olla, Pip e Pithíp, mogli rispettivamente di Seth, Sile e Cáin, ricompaiono nel Sex Ætates Mundi, ma non è chiara da quale fonte siano stati ricavati questi personaggi extrabiblici. Sembra di scorgere una qualche confusione tra le versioni iberniche di Seth e Sem (la cui moglie, nei testi irlandesi, si chiamava ugualmente Olla).

39 — Cfr. nota a R1 [I: 9] [NOTA]►.

40 — Cfr. poema II, «Sem rogab i n-Aisia n-ait», «Sem s'insediò nella piacevole Asia».

41 — Cfr. nota a R1 [I: 12] [NOTA]►.

42 — Cfr. nota a R3 [I: 1] [NOTA]►.

44 — (c) Cen brón «senza rimpianto»: è Macalister a proporre questa traduzione, tenendo conto che la parola brón significa «tristezza» (Macalister 1932). Una spiegazione alternativa, anche se non molto convincente, è che la parola possa essere intesa come «fardello, carico», intendendo dunque che l'Arca salpasse senza trasportare altre merci che non il suo carico umano e animale. L'intera strofa in ogni caso è ardua e difficile. Come nota Macalister, non dobbiamo aspettarci immediata comprensione in una poema tanto irto di difficoltà metriche, anche considerato come a volte la poesia bardica e scaldica finisse con il ricercare volutamente espressioni difficili da interpretare.

46 — Non è ben chiaro su quale autorità poggino le poderose dimensioni ascritte qui a Tór Nemrúaid (cioè la biblica torre di Bābel, fatta costruire da re Nimrôḏ).

47-49 — La lista degli eroi presenti a Tór Nemrúaid si accorda con quella presente nell'Auraicept na n-Éces, la «Contesa dei poeti», tranne per il fatto che qui sono omessi Peleg e Rifath Scot. In quel testo, inoltre, Dardan appare come Bardanius. I nomi sono stati scelti da qualche lista degli immediati discendenti di Nōḥ̣, con alcune incongrue addizioni, tra cui alcuni dei figli di Alanus, il Latinus dell'Æneis o lo stesso Nabcodon, che proviene dalla lista ogamica di nomi compresa nella Auraicept na n-Éces.

53 — (c) La città di Ibiténa, di cui qui si parla, sarebbe, secondo Macalister, un eco del nome della città di Ecbatana, in Media (Macalister 1932). I vari manoscritti riportano tuttavia una quantità di forme e grafie diverse (Ibiténa, Ibithena, Ibithenae, Imbithena, Hebothena, Eba Tena, Gan Sena); nei suoi Foras feasa ar Éirenn, Seathrún Céitinn (Geoffrey Keating) usa la grafia Eathéna e riporta questa quartina, affermando di averla tratta dal perduto Lebor/Cín Droma Snechta, suggerendo dunque che questo poema si trovasse anche in quell'importante manoscritto. — Mag Senar è, ovviamente, la biblica pianura di Šinʿar, dove venne costruita la torre di Nimrôḏ (Bǝrēʾšîṯ [10: ]).

55-57 — Questa è la lista dei capi presenti alla costruzione di Tór Nemrúaid, dalla quale sarebbe appunto derivata – secondo l'Auraicept na n-Éces una delle serie di nomi delle lettere ogam. Per ragioni metriche l'ordine alfabetico, in origine dato secondo la sequenza delle lettere ogamiche, è stato alterato. Alcuni nomi sono stati modificati. Mored, Gad, Idomus corrispondono rispettivamente a Muiriath, Gotli e Iudonius. Ordmor (Ordonus nel secondo dei due testi del Lebor Gabála Éirenn del ms. M (Lebor Mór Lecáin)) corrisponde a Ordines. Srú, lo Stru della lista ogamica, è stato eliminato da tutti i manoscritti eccetto M. Alcuni nomi aggiuntivi sono stati invece interpolati (Nenual, Gáedel, Cainan, Ionan).

Bibliografia

  • CATALDI Melita, Antiche storie e fiabe irlandesi. Torino 1985.
  • COMYN David ~ DINEEN Patrick S. [traduzione]: CÉITINN Seathrún (KEATING Geoffrey), The History of Ireland. London 1902-1908.
  • GINZBERG Louis, The Legend of the Jews, vol. 1. Philadelphia 1909 (?). → ID., Le leggende degli Ebrei, vol. 1. Adelphi. Milano 1995.
  • GRAVES Robert ~ PATAÏ Raphael, The Hebrew Myths. New York 1963. → ID., I miti ebraici. Longanesi, Milano 1980.
  • MACALISTER R.A. Stewart [traduzione], Lebor Gabála Érenn. The Book of the Taking of Ireland, 1. Irish Texts Society, Vol. XXXIV. London 1938 [1993].
  • MacCULLOCH John A., The Religion of Ancient Celts. Edimburgh 1911. → ID., La religione degli antichi Celti. Vicenza 1998.
  • MORGANTI Adolfo [cura]: Nennius (Nennio). La storia di re Artù e dei Britanni. Il Cerchio, Rimini 2003.
BIBLIOGRAFIA
  Lebor Gabála Érenn - Poema IV
«MAGOG, FIGLIO DI IAFETH»
    Lebor Gabála Érenn - Poema VI
«LA SORGENTE DEL PARADISO...»
 
Biblioteca - Guglielmo da Baskerville.
Area Celtica - Óengus Óc.
Traduzione e note della Redazione Bifröst.
Creazione pagina: 01.05.2006
Ultima modifica: 13.05.2016
 
POSTA
© BIFRÖST
Tutti i diritti riservati