Torna alla pagina principale
BIBLIOTECA

GERMANI
Scandinavi

MITI GERMANICI
Snorri Sturluson
PROSE EDDA
FYRIRSǪGN OK FORMÁLI

RUBRICA & PROLOGO

▼ Snorri Sturluson, PROSE EDDA
Prose Edda. Edda in prosa
Fyrirsögn ok Formáli, Rubrica e prologo
Gylfaginning, L'inganno di Gylfi

 Skáldskaparmál, Discorso sull'arte scaldica
Avviso
FYRIRSǪGN - Testo
FORMÁLI - Testo
Note
Bibliografia
PROSE EDDA
FYRIRSǪGN OK FORMÁLI
RUBRICA & PROLOGO
  1. Sviluppo del concetto di Dio
  2. Come il mondo sia diviso in tre parti
  3. Sui Troiani
  4. Quando Óðinn arrivò nelle terre del nord
  5. Quando Óðinn giunse in Svezia e consegnò al proprio figlio il suo regno
 

FYRIRSǪGN

RUBRICA

       
 

Bók þessi heitir Edda. Hana hefir saman setta Snorri Sturluson eptir þeim hætti sem hér er skipat. Er fyrst frá ásum ok Ymi, þar næst Skáldskaparmál ok heiti margra hluta, síðast Háttatal er Snorri hefir ort um Hákon konung ok Skúla hertuga.

Questo libro si intitola Edda. Lo ha composto Snorri Sturluson e qui si segue l'ordine in cui egli lo dispose. Prima si occupa degli Æsir e di Ymir, poi viene lo Skáldskaparmál con le sue molte metafore, infine l'Háttatal che Snorri scrisse per re Hákon e il duca Skúli.

FORMÁLI PROLOGO
       

1

[Þróun guðshugmyndar] [Sviluppo del concetto di Dio]  
1a

Almáttigr guð skapaði í upphafi himin ok jǫrð ok alla þá hluti er þeim fylgja, ok síðarst menn tvá er ættir eru frá komnar, Adam ok Evu, ok fjǫlgaðisk þeira kynslóð ok dreifðisk um heim allan.

In principio, Dio onnipotente diede forma al cielo e alla terra e a tutte le cose che vi appartengono, e infine creò due uomini da cui sono discese le stirpi umane, Adam ed Evu, i cui figli si moltiplicarono e si diffusero in tutto il mondo.

1b

En er fram liðu stundir, þá ójafnaðisk mannfólkit: váru sumir góðir ok rétttrúaðir, en miklu fleiri snerusk þá eptir girndum heimsins ok órœktu guðs boðorð, ok fyrir því drekti guð heiminum í sjóvargangi ok ǫllum kykvendum heimsins, nema þeim er í ǫrkinni váru með Nóa. Eptir Nóaflóð lifðu átta menn, þeir er heiminn bygðu, ok kómu frá þeim ættir, ok varð enn sem fyrr at þá er fjǫlmentisk ok bygðisk verǫldin, þá var þat allr fjǫlði mannfólksins er elskaði ágirni fjár ok metnaðar en afrœktusk guðs hlýðni, ok svá mikit gerðisk at því at þeir vildu eigi nefna guð. En hverr mundi þá frá segja sonum þeira frá guðs stórmerkjum? Svá kom at þeir týndu guðs nafni, ok víðast um verǫldina fansk eigi sá maðr er deili kunni á skapara sínum. En eigi at síðr veitti guð þeim jarðligar giptir, fé ok sælu, er þeir skyldu við vera í heiminum. Miðlaði hann ok spekðina, svá at þeir skilðu alla jarðliga hluti ok allar greinir þær er sjá mátti loptsins ok jarðarinnar. Col trascorrere del tempo, tuttavia, l'umanità si diversificò: alcuni erano buoni e giusti, ma molti altri si volsero ai piaceri del mondo e violarono i comandamenti di Dio, e perciò Dio sommerse il mondo con un diluvio ed annegò tutte le creature viventi, tranne quelle che si trovavano sull'arca di Nói. Dopo il diluvio di Nói, sopravvissero otto persone, le quali abitarono la terra e fu da loro che discesero le stirpi umane. Eppure successe [di nuovo] come in precedenza: quando gli uomini popolarono la terra, moltissimi cominciarono a bramare le ricchezze e gli onori del mondo e trascurarono di obbedire alle leggi divine, arrivando al punto di non nominare più Dio. E chi avrebbe potuto raccontare ai propri figli delle grandi opere di Dio? Fu così che costoro dimenticarono persino il nome di Dio e nel vasto mondo non si poté più trovare nessuno che potesse riconoscere il proprio creatore. Nondimeno, Dio elargì agli uomini molti doni terreni, ricchezza e salute, affinché nel mondo vi fosse gioia. Egli elargì loro anche la sapienza, così da permettere loro di comprendere tutte le cose del mondo e tutto ciò che potevano distinguere nell'aria e sulla terra.
1c Þat hugsuðu þeir ok undruðusk hví þat mundi gegna er jǫrðin ok dýrin ok fuglarnir hǫfðu saman eðli í sumum hlutum ok þó ólík at hætti. Þat var eitt eðli at jǫrðin var grafin í hám fjalltindum ok spratt þar vatn upp, ok þurfti þar eigi lengra at grafa til vatns en í djúpum dǫlum. Svá er ok dýr ok fuglar at jafnlangt er til blóðs í hǫfði ok fótum. Ǫnnur náttúra er sú jarðar at á hverju ári vex á jǫrðunni gras ok blóm, ok á sama ári fellr þat allt ok fǫlnar, svá ok dýr ok fuglar, at vex hár ok fjaðrar ok fellr af á hverju ári. Þat er hin þriðja náttúra jarðar, þá er hon er opnuð ok grafin, þá grœr gras á þeiri moldu, er efst er á jǫrðunni. Bjǫrg ok steina þýddu þeir móti tǫnnum ok beinum kvikenda. [Gli uomini] si meravigliavano e si chiedevano come fosse possibile che la terra, gli animali e gli uccelli condividessero per certi aspetti la medesima natura, sebbene per altri fossero diversi. La loro natura si rivelava identica qualora si scavava sulla cima delle montagne e sgorgava fuori l'acqua, e non era necessario cercarla più in profondità che non [scavando] nelle valli; ma anche negli animali e negli uccelli, il sangue si trovava alla stessa profondità sia nella testa che nei piedi. Un'altra caratteristica della terra era che erbe e fiori spuntavano ogni anno e poi, nello stesso anno, appassivano e sfiorivano; allo stesso modo, ogni anno, peli e piume spuntavano e cadevano [anche] sugli animali e sugli uccelli. E questa infine era la terza natura della terra: quando veniva aperta e scavata, l'erba cresceva alla sommità del terreno di riporto. Rocce e pietre venivano dunque paragonate ai denti e alle ossa dei viventi.
1d Af þessu skilðu þeir svá at jǫrðin væri kvik ok hefði líf með nǫkkurum hætti, ok vissu þeir at hon var furðuliga gǫmul at aldartali ok máttug í eðli. Hon fœddi ǫll kykvendi, ok hon eignaðisk allt þat er dó. Fyrir þá sǫk gáfu þeir henni nafn ok tǫlðu ætt sína til hennar. Da queste osservazioni, [gli uomini] conclusero che la terra fosse viva, che avesse una coscienza di qualche tipo e la ritennero antichissima di età e potente per natura. Essa nutriva tutti i viventi e riprendeva a sé quelli che morivano. Perciò gli uomini le diedero un nome e contarono i loro antenati fino ad essa.
1e Þat sama spurðu þeir af gǫmlum frændum sínum, at síðan er talið váru mǫrg hundruð vetra, þá var hin sama jǫrð ok sól ok himintungl, en gangr himintunglanna var ójafn. Áttu sum lengra gang, en sum skemra. Af þvílíkum hlutum grunaði þá, at nǫkkurr mundi vera stjórnari himintunglanna, sá er stilla myndi gang þeira at vilja sínum, ok myndi sá vera ríkr mjǫk ok máttigr. Ok þess væntu þeir, ef hann réði fyrir hǫfuðskepnunum, at hann myndi ok fyrr verit hafa en himintunglin, ok þat sjá þeir, ef hann ræðr gangi himintunglanna, at hann myni ráða skini sólar ok dǫgg loptsins ok ávexti jarðarinnar, er því fylgir, ok slíkt sama vindinum loptsins ok þar með stormi sævarins. Þá vissu þeir eigi, hvar ríki hans var. Af því trúðu þeir, at hann réð ǫllum hlutum á jǫrðu ok í lopti himins ok himintunglum, sævarins ok veðranna. Dai loro vecchi avi, impararono che molte centinaia di inverni erano stati contati da quando esisteva la terra, insieme al sole e alle stelle del cielo, ma i percorsi di questi astri erano tra loro diversi. Alcuni seguivano tragitti più lunghi, altri più brevi. Da qui, [gli uomini] sospettarono che ci fosse qualcuno a governare le stelle del cielo e dirigerle secondo la propria volontà, e che dovesse essere forte e potente. E di costui ritennero che, essendo in grado di dominare gli elementi primordiali, fosse venuto ancor prima delle stelle del cielo. Compresero anche che, se questi dirigeva i movimenti degli astri, dovesse anche governare lo splendore del sole, la rugiada dell'aria, i frutti che nascono dalla terra, e ancora i venti nell'aria e le tempeste sul mare. Pur non sapendo dove fosse il suo regno, essi credettero che costui regnasse su tutte le cose della terra e dell'aria, del cielo e dei corpi celesti, del mare e dell'atmosfera.
1f En til þess at heldr mætti frá segja eða í minni festa, þá gáfu þeir nǫfn með sjálfum sér, ok hefir þessi átrúnaðr á marga lund breyzk. Svá sem þjóðirnar skiptusk ok tungurnar greindusk, var efnat þat smíði er mest hefir verit í verǫldunni. Pertanto, affinché tutto questo si potesse tramandare e affidare alla memoria, essi stessi diedero nomi alle cose, e tale tradizione si evolse in molti modi. Così, mentre i popoli si separavano e le loro lingue si differenziavano, si compiva quell'opera che fu la più grande del mondo.

1g

Í elli sinni skiptir Nói heiminum með sonum sínum. Ætlaði hann Cham vestrhálfu, en Japheth norðrhálfu, en Sem suðrhálfu með þeiri parteran sem síðar greinir í þriðjunga skipti heimsins. Í þann tíma sem synir þessara manna váru í verǫldinni, þá ǫflgaðisk þegar ágirni til fjár ok mannmetnaðar af því at þá kendusk þær margar listir sem áðr hǫfðu ekki fundnar verit, ok hóf sik hverr eptir sinni íþrótt. Ok svá langt fœrðu þeir fram sinn metnað at þeir Affricani komnir af Cham herjuðu í þann hluta veraldar sem bygði afspringr Sems frænda þeira. Ok sem þeir hǫfðu þá yfir unnit, þótti þeim sér eigi nægjask heimrinn ok smíðuðu einn stǫpul með tigl ok grjót, þann er þeir ætluðu at vinna skyldi til himins, á þeim velli er kallask Sennaar. Ok þá er þetta smíði var svá mikit vorðit at þat tók upp ór veðrum, ok eigi hǫfðu þeir at minni fýsi til at halda fram smíðinni, ok sem guð sér hversu þeira ofsi geisar hátt, þá sér hann at hann verðr með einshverju niðr at slá. Ok sá sami guð, sem alls er voldugr ok allt þeira verk mátti á einu augabragði niðr slá en þá sjálfa láta verða at dupti, þá vildi hann þó heldr með því eyða þeiri fyrirætlan at þeir mætti við kennask sinn lítilleik með því at engi þeira skildi hvat annarr talaði ok því vissi engi þeira hvat hverr bauð ǫðrum, ok braut þat annarr niðr sem annarr vildi uppreisa, þar til er þeir stríddusk á sjálfir ok með því eyddisk ǫll þeira fyrirætlan í upptekinni stǫpulsmíð. Ok sá er fremstr var hét Zoroastres, hann hló fyrr en grét er hann kom í verǫldina. En forsmiðir váru tveir ok sjau tigir, ok svá margar tungur hafa síðan dreifzk um verǫldina eptir því sem risarnir skiptusk síðan til landa ok þjóðirnar fjǫlguðusk. Í þessum sama stað var gǫr ein hin ágætasta borg ok dregit af nafni stǫpulsins ok kǫllut Babilon, ok sem tungnaskiptit var orðit þá fjǫlguðusk svá nǫfnin mannanna ok annarra hluta. In vecchiaia, Nói divise il mondo tra i suoi tre figli. A Cham diede la parte occidentale, a Japheth quella settentrionale ed a Sem quella meridionale, fondando quella partizione da cui sarebbe poi derivata la divisione del mondo in tre parti. Al tempo in cui i loro discendenti si diffondevano sulla terra, si accrebbe tra gli uomini il desiderio di ricchezze e potere: essi escogitarono pratiche e arti che non erano mai state scoperte prima di allora, e ciascuno ottenne fama e ricchezza con il proprio ingegno. A tal punto essi spinsero il loro orgoglio, che gli Africani, discendenti di Cham, invasero quella parte del mondo destinata alla discendenza del loro fratello Sem. Quando l'ebbero conquistata, il mondo parve loro ancora troppo piccolo, così innalzarono con pietre e tegole una torre, con la quale intendevano raggiungere il cielo, in quella valle chiamata Sennaar. E quando l'edificio era già così alto da levarsi al di sopra dell'aria e i costruttori non erano meno impazienti di continuare il lavoro, Dio si avvide di quanto fosse smisurato il loro orgoglio e decise che li avrebbe umiliati in qualche modo. Ma lo stesso Dio, che è onnipotente e avrebbe potuto in un batter d'occhio abbattere la torre e ridurre in polvere gli stessi uomini, preferì invece vanificare i loro intenti, facendo sì che l'uno non riuscisse più a capire cosa gli dicesse l'altro e far sì che [gli esseri umani] si rendessero conto di quanto fossero piccoli. Accadde dunque che nessuno comprendeva più cosa l'altro gli comandasse e l'uno distruggeva ciò che l'altro gli ordinava di costruire, finché tutti cominciarono a litigare tra loro e venne così vanificato il proposito di costruire una torre. Colui che era il loro capo si chiamava Zoroastres; egli rise prima di piangere quando venne nel mondo. I capomastri erano settantadue e altrettante lingue vi furono nel mondo quando i capotribù vennero dispersi per le terre e le nazioni si fecero numerose. Nello stesso luogo venne costruita la famosissima città che prese nome dalla torre e fu chiamata Babilon, e con la confusione delle lingue si moltiplicarono i nomi degli uomini e delle altre cose.
1h Ok sjá sami Zoroastres hafði mǫrg nǫfn, ok þó at hann undirstœði at hans ofsi væri lægðr af sagðri smíð, þá fœrði hann sik þó fram til veraldligs metnaðar ok lét taka sik til konungs yfir mǫrgum þjóðum Assiriorum. Af honum hófsk skurðgoðavilla, ok sem hann var blótaðr var hann kallaðr Baal, þann kǫllum vér Bel. Hann hafði ok mǫrg ǫnnur nǫfn, en sem nǫfnin fjǫlguðusk, þá týndisk með því sannleikrinn. Ok af fyrstu villu þá blótaði hverr maðr eptirkomandi sinn formeistara, dýr eða fugla, loptin ok himintunglin ok ýmisliga dauðliga hluti, þar til er þessi villa gekk um allan heim ok svá vandliga týndu þeir sannleiknum at engi vissi skapara sinn, utan þeir einir menn sem tǫluðu ebreska tungu, þá sem gekk fyrir stǫpulsmíðina. Ok þó týndu þeir eigi líkamligum giptum er þeim váru veittar, ok því skilðu þeir alla hluti jarðligri skilningu, at þeim var eigi gefin andlig spekðin. Svá skilðu þeir at allir hlutir væri smíðaðir af nǫkkuru efni. Lo stesso Zoroastres aveva molti nomi e, sebbene avesse capito che l'orgoglio [umano] fosse stato abbattuto insieme alla torre, continuò ad agire per il potere terreno e riuscì a diventare re sopra i molti popoli degli Assiri. Sorse da lui l'errore dell'idolatria, e quando egli fu venerato, venne chiamato Baal, che noi chiamiamo Bel. Egli ebbe molti altri nomi ancora, ma più i nomi aumentavano, più la verità si perdeva. Cominciando da quel primo errore, ogni uomo che venne si mise a venerare i suoi padroni e signori, gli animali e gli uccelli, l'aria e i corpi celesti, e un gran numero di cose mortali, finché l'errore finì con l'abbracciare tutto il mondo e si perse completamente la verità. Alla fine, nessuno conosceva più il proprio creatore, eccetto quei soli uomini che parlavano la lingua ebraica, [lingua] che esisteva da prima della costruzione della torre. Ancora oggi gli uomini non hanno perduto interamente il dono che è stato fatto loro e conoscono le cose mediante la sapienza terrena, ma la comprensione dello spirito non è stata loro concessa. Essi capivano tuttavia che ogni cosa era stato plasmata a partire da una qualche essenza.
       
2 Um þriár hálfur veraldar Come il mondo sia diviso in tre parti  
2a Verǫldin var greind í þrjár hálfur. Frá suðri, vestr ok inn at Miðjarðarsjá, sá hlutr var kallaðr Affríka, en hinn syðri hlutr þeirar deildar er heitr ok brunninn af sólu. Annarr hlutr frá vestri ok til norðrs ok inn til hafsins, er sá kallaðr Evrópa eða Enea. Hinn nyrðri hlutr er þar kaldr svá, at eigi vex gras ok eigi má byggja. Frá norðri ok um austrhálfur allt til suðrs, þat er kallat Asía. Í þeim hluta veraldar er ǫll fegrð ok prýði ok eign jarðar ávaxtar, gull ok gimsteinar. Þar er ok mið verǫldin, ok svá sem þar er jǫrðin fegri ok betri kostum en í ǫðrum stǫðum, svá var ok mannfólkit þar mest tignat af ǫllum giptum, spekinni ok aflinu, fegrðinni ok allri kunnustu. Il mondo è diviso in tre parti. Da sud, verso occidente fino alle sponde del Miðjarðarsær [Mediterraneo], tutta quella parte è chiamata Affríka [Africa]; il territorio meridionale di questa parte è ardente e bruciato dal sole. La seconda parte, da occidente verso nord fino al mare, è chiamata Evrópa o Enéá; la sua porzione settentrionale è così fredda che non vi cresce erba e non vi si può abitare. La parte che da nord per tutto l'oriente arriva fino a sud si chiama Asíá. In questa regione del mondo tutto è bello e rigoglioso, la terra produce abbondanza, oro e pietre preziose. Qui si trova anche il centro del mondo, e così come la terra è più ricca e migliore rispetto ad altri luoghi, anche le genti sono maggiormente favorite con tutti i possibili doni: sapienza, forza, bellezza e tutti i tipi di conoscenza.
       
3 [Frá Trióumǫnnum] [Sui Troiani]  
3a

Nær miðri verǫldinni var gǫrt þat hús ok herbergi er ágætast hefir gǫrt verit, er kǫlluð var Troja, þar sem vér kǫllum Tyrkland. Þessi staðr var miklu meiri gǫrr en aðrir ok með meira hagleik á marga lund með kostnaði ok fǫngum, er þar váru. Þar váru tólf konungdómar ok einn yfirkonungr, ok lágu mǫrg þjóðlǫnd til hvers konungdóms. Þar váru í borginni tólf hǫfuðtungur. Þessir hǫfðingjar hafa verit um fram alla menn, þá er verit hafa í verǫldu, um alla manndómliga hluti.

Vicino al centro del mondo fu innalzata quella dimora che divenne famosissima, la quale fu chiamata Troja, nella terra che noi chiamiamo Tyrkland [Turchia].
Questa città fu costruita molto più grande di altre e con maggiore abilità, con maggiore dispendio di mezzi e fatica di quanto fosse stato fatto fino ad allora. Vi erano dodici regni, sotto un solo re supremo, ed ampie tenute appartenevano a ciascun regno. C'erano in città dodici comandanti, i quali superavano gli altri uomini che vi sono al mondo in tutte le umane abilità.
3b Leikr þat sízt á tvímæli hverr frœðimaðr sem frá þeim hefir sagt ok af því at allir formenn norðrhálfunnar telja þangat sínar ættir ok setja þá í guða tǫlu alla sem formenn váru staðarins, einkanliga svá sem sjálfan Príamum setja þeir fyrir Vóden. Má þat eigi undarligt kalla þvíat Príamus var kominn af Saturno þeim sem norðrhálfan trúði langan tíma sjálfan guð verit hafa. Þessi Saturnus vóx upp í ey þeiri í Grikklandshafi er Krít heitir. Hann var meiri ok sterkari ok fríðari en aðrir menn. Svá bar vitrleikr hans af ǫllum mǫnnum sem aðrar náttúrugjafir. Hann fann ok margar listir þær sem áðr hǫfðu eigi fundnar verit. Hann var ok svá mikill á þá íþrótt er phítonsanda list heitir at hann vissi fyrir óorðna hluti. Hann fann ok rauða þann í jǫrðu er hann blés af gull, ok af þessháttar hlutum varð hann skjótt ríkr. Hann sagði ok fyrir árferð ok marga aðra leynda hluti, ok af slíku ok mǫrgu ǫðru tóku þeir hann til hǫfðingja yfir eyna. Ok sem hann hafði litla hríð henni stýrt, þá var þar skjótt nóg allra handa árgæzka. Þar gekk ok engi penningr nema gullpenningr. Svá var þat nógt ok þó at hallæri væri í ǫðrum lǫndum, þá kom þar aldri óáran. Mátti af því þangat sœkja alla þá hluti sem þeir þurftu at hafa, ok af þessu ok mǫrgu ǫðru ósýniligu kraptaláni er hann hafði trúðu þeir hann guð vera, ok af þessu hófsk ǫnnur villa millum Krítarmanna ok Macedoniorum svá sem hin fyrri meðal Assiriorum ok Chaldeis af Zoroastre. Ok er Saturnus finnr hversu mikinn styrk fólkit þykkisk af honum hafa, þá kallask hann guð vera og segisk stjórnari himins ok jarðar ok allra hluta. Si dice che abbia riportato resoconti confusi quello storico che ha parlato di costoro e, per questo, tutti i sovrani delle terre del nord seguono le loro genealogie fino a quel tempo e pongono nel numero degli dèi tutti coloro che furono signori di città, così lo stesso Príamus può essere posto in luogo di Vóden. Non deve poi indurre a meraviglia il fatto che Príamus discendesse da Saturnus, il quale nelle terre del nord fu creduto essere egli stesso un dio. Questo Saturnus crebbe in quell'isola del Grikkland [Grecia] che si chiama Krít [Creta] ed era più grande, più forte e più bello degli altri uomini. Inoltre, grazie a un altro dono naturale, egli superava tutti gli uomini in sapienza. Inventò molte tecniche che non erano state scoperte prima d'allora ed era anche così abile nelle arti magiche che conosceva con certezza le cose che non erano ancora avvenute. Scoprì anche quella sostanza rossa nella terra dalla quale si otteneva l'oro e, grazie questo tipo di scoperte, divenne in breve assai potente. Prevedeva i raccolti e [indovinava] molti altri segreti, e per queste e molte altre capacità egli fu scelto quale capo dell'isola. Pur regnando da poco tempo, presto ci fu grande prosperità e abbondanza di tutto: non circolavano altre monete che quelle d'oro, la ricchezza era ingente e, sebbene vi fossero cattive stagioni in altri paesi, la carestia non arrivò mai a Krít. La gente poteva facilmente procurarsi tutto ciò di cui aveva bisogno, e per questo e per molti altri poteri segreti che Saturnus possedeva, gli uomini lo ritennero un dio, e da questo errore ne sorsero altri presso i Krítarmenn ed i Macedonii, così com'era successo in precedenza presso gli Assirii e i Chaldei riguardo a Zoroastres. E quando Saturnus si accorse di quali grandi poteri il popolo lo credesse in possesso, anch'egli si proclamò dio e affermò di dominare il cielo, la terra e tutte le cose.
3c Einn tíma fór hann skipi til Grikklands, þvíat þar var konungsdóttir sú er hann hafði hug á. Hann fekk með því náð henni at einn dag, sem hon var úti meðr þjónustukonum sínum, þá brá hann á sik líki graðungs eins ok lá fyrir henni í skóginum, ok svá fagr at gulls litr var á hverju hári. Ok sem konungsdóttir sér, þá klappaði hon um granarnar. Hann sprettr upp ok brá af sér graðungs líki ok tók hana í fang sér ok bar hana til skips ok flytr heim í Krít. At þessu finnr Juna kona hans. Hann brá henni í kvígu líki ok sendi hana austr í Elfarkvíslir ok lét hennar geyma þræl þann er Argulus hét. Þar var hon tólf mánaði áðr hann skipaði aptr. Marga hluti gørði hann þessum líka eða undarligri. Hann átti þrjá syni, hét einn Jupiter, annarr Neptunus, þriði Plutus. Þeir váru allir atgervismenn hinir mestu ok var Jupiter langt fyrir þeim. Hann var stríðsmaðr ok vann mǫrg konunga ríki. Hann var ok listugr sem faðir hans ok brá á sik ýmissa dýra líki ok með því kom hann mǫrgu fram því sem manndóminum er ómǫguligt at gøra, ok af slíku ok ǫðru hræddusk hann allar þjóðir. Því er Jupiter settr fyrir Þór svá sem allar óvættir hræddusk hann. Una volta Saturnus salpò per il Grikkland perché là si trovava la figlia di un re di cui si era invaghito. Per ottenere il suo amore, un giorno che lei era uscita con le sue ancelle, prese le sembianze di un toro e la precedette nel bosco; splendido era il suo aspetto, il suo crine del colore dell'oro. Quando la principessa lo vide, lo carezzò sulle labbra. Subito egli balzò su e, deposto l'aspetto del toro, la prese nelle sue braccia, la portò alla sua nave e fuggì in patria, a Krít. Qui però si trovava sua moglie, Juna. Egli trasformò la principessa in una giovenca e la portò ad est del delta di un fiume, lasciandole a guardia quel servo che aveva nome Argolus, ed ella rimase là per dodici mesi prima che Saturnus le restituisse le proprie sembianze. Egli compì poi molte altre imprese pari a questa e più meravigliose ancora. Aveva tre figli: uno si chiamava Jupiter, il secondo Neptunus, il terzo Plutus. Essi furono uomini di grande talento, e Jupiter fra loro era il migliore. Fu un uomo forte e conquistò molti regni. Era anche abile come suo padre e prese l'aspetto di molti animali, compiendo imprese impossibili per il genere umano. Per questa ed altre ragioni fu temuto presso tutti i popoli. Pertanto Jupiter fu messo al posto di Þórr così che tutti gli spiriti malvagi avessero paura di lui.
3d Saturnus lét upp gøra í Krít tvær borgir ok sjau tigu, ok sem hann þykkisk fullkominn í ríki sínu, þá skiptir hann því með sonum sínum sem hann setti sik fyrir guð ok skipaði hann Jupiter himinríki, en Neptuno jarðríki, en Pluto helvíti. Ok þótti honum sá hlutr ókjǫrligastr ok því gaf hann honum hund sinn þann er hann kallaði Serberum til þess at geyma helvítis. Þenna Serberum segja Grikkir Erkulum hafa dregit ór helvíti ok á jarðríki, ok þó at Saturnus hefði skipt Jupiter himinríki, þá girntisk hann eigi at síðr at eignask jarðríki ok herjar nú upp á ríki fǫður síns. Ok svá segisk at hann léti taka hann ok gelda, ok fyrir slík stórvirki segir hann sik guð vera ok þat segja Macedonii at hann léti taka skǫpin ok kasta út á sjóinn, ok því trúðu þeir langa ævi at þar af hefði vorðit kona. Þá kǫlluðu þeir Venerem, ok því er Venus alla ævi síðan kǫlluð ástargyðja, ok settu hana í guða tǫlu at þeir trúðu at hon mætti þíða allra manna hjǫrtu til ástar karla ok kvenna. Sem Saturnus var geldr af Jupiter syni sínum, þá flýði hann austan ór Krít ok hingat í Italia. Þar bygðu þá þessháttar þjóðir sem ekki erfiðaðu ok lifðu við akarn ok við grǫs, ok lágu í hellum eða jarðholum. Ok sem Saturnus kom þar, þá skipti hann nǫfnum ok kallaði sik Njǫrð, sakir þess at hann hugði at Jupiter son hans mundi þá síðr frétta hann upp. Hann kendi þar fyrstr manna at plœgja ok planta víngarða. Þar var góð jǫrð ok hrá ok gørðisk þar skjótt ár mikit. Tóku þeir hann til hǫfðingja ok svá eignaðisk hann ǫll þessháttar ríki ok lét gøra þar margar borgir. Jupiter son hans átti marga syni, þá sem ættir eru frá komnar: hans son var Dardanus, hans son Herikon, hans son Lamedon, faðir Príami hǫfuðkonungs. Príamus átti marga syni. Einn af þeim var Ektor, er ágætastr hefir verit allra manna í verǫldu at afli ok vexti ok atgørvi ok ǫllum manndómligum listum riddarligrar slektar. Ok þat finnsk skrifat, þá er Grikkir ok allr styrkr norðrhálfu ok austrhálfu bǫrðusk við Trojumenn, þá hefði þeir aldri sigraðir vorðit nema Grikkir hefði heitit á guðin, ok gengu svá fréttir at ekki mannligt eðli mátti þá sigra nema þeir yrði sviknir af sjálfs síns mǫnnum, sem síðan gerðisk. Ok af þeira frægð gáfu eptirkomandi menn sér þeira virðingarnǫfn, ok einkanliga svá sem Rómverjar, er ágætastir menn hafa verit at mǫrgum hlutum eptir þeira daga, ok svá segisk at þá er Róma var algǫr at Rómverjar venduðu sínum siðum ok lǫgmáli sem næst máttu þeir komask eptir því sem Troju menn hǫfðu haft forfeðr þeira. Ok svá mikill kraptr fylgði þessum mǫnnum at mǫrgum ǫldrum síðar, þá er Pompeius einn hǫfðingi Rómverja herjaði í austrhálfuna, flýði utan Óðinn ór Asía ok hingat í norðrhálfuna, ok þá gaf hann sér ok sínum mǫnnum þeira nǫfn ok kallaði Príamum hafa heitit Óðin, en dróttning hans Frigg, ok af því tók ríkit síðan nafn ok kallaði Frigía þar sem borgin stóð. Ok hvárt er Óðinn sagði þat til metnaðar við sik, eða þat hafi svá verit með skipti tungnanna, þá hafa þó margir frœðimenn haft þat fyrir sannenda sǫgn, ok þat var lengi ævi eptir at hverr sem mikill hǫfðingi var tók sér þar dœmi eptir.

Saturnus a Krít costruì settantadue cittadelle e, quando ritenne di essersi pienamente assestato nel proprio regno, lo divise coi suoi figli, che insediò vicino a sé come dèi. A Jupiter diede i reami del cielo, a Neptunus quelli della terra e a Plutus gli inferi. Quest'ultimo gli parve un regno così difficile da governare che gli diede il suo cane, chiamato Serberum, a guardia degli inferi. Di questo Serberum i Grikkir [Greci] raccontano che Erkulum [Hercules] l'abbia portato fuori degli inferi, sulla terra. E [raccontano che], se sebbene Saturnus abbia offerto il regno dei cieli a Jupiter, questi non volle mai governare sulla terra e saccheggiò il regno di suo padre. Si dice anche che lo prese e lo evirò, e dopo questo gesto si dichiarò un dio. I Macedoni dicono che [Jupiter] prese il membro e lo gettò in mare, e poi credettero per anni che da esso fosse nata una donna, da loro chiamata Venus. Da allora in poi Venus venne detta dea dell'amore, fu posta fra gli dèi, e si credette che potesse indurre il cuore di chiunque ad amare uomini e donne. Quando Saturnus fu evirato da suo figlio Jupiter, fuggì da Krít e riparò a ovest, in Italia. Là abitava allora un popolo che non lavorava, viveva di ghiande e di erbe e abitava in caverne o in buchi nel terreno. Quando Saturnus arrivò là, cambiò il suo nome e si chiamò Njǫrðr, poiché pensò che in seguito suo figlio Jupiter avrebbe potuto cercarlo. Egli fu il primo ad insegnare agli uomini come arare e piantare la vite. La terra [in Italia] era buona e fresca, e presto produsse raccolti abbondanti. Lo fecero capo e così si impadronì di tutti quei regni ed edificò molte città. Suo figlio Jupiter ebbe molti figli, da cui discendono stirpi [importanti]: suo figlio fu Dardanus, suo figlio Herikon, suo figlio Lamedon, padre di Príamus, sommo re. Príamus ebbe molti figli. Fra questi, uno fu Ektor, che fu il più famoso di tutti gli uomini nel mondo per forza, statura, prodezze e per imprese di guerra. E si trova scritto che quando i Grikkir e tutti gli eserciti delle regioni a nord e a est combatterono contro i Trojumenn, non sarebbero mai diventati vincitori se non avessero invocato gli dei, ed è anche detto che nessuna forza umana li avrebbe conquistati se non fossero stati traditi dai loro stessi uomini, come poi accadde. E dalla loro fama gli uomini a venire si diedero titoli nobiliari e così fu soprattutto per i Rómverjar [Romani], che divennero i più famosi dopo quei giorni per molte cose, e si dice che quando Róma fu costruita i Rómverjar adattarono i loro costumi e loro leggi il più possibile a quelli dei Trojumenn, loro progenitori. E così tanto potere accompagnò questi uomini, per molti anni in seguito, che quando Pompeius, un condottiero romano, attaccò le regioni orientali, Óðinn fuggì dall'Asíá e andò verso nord. Questi assegnò quindi nomi a sé stesso e ai suoi uomini, e stabilì che Príamus sarebbe stato chiamato Óðinn e la sua regina Frigg, ed è da lei che il regno dove si trovava la città venne in seguito fu chiamato Frigía. Sia che Óðinn avesse raccontato queste cose di sé per orgoglio, o che queste cose vennero alterati a causa del mutare delle lingue, furono ritenute vere da molti saggi uomini, e per molto tempo ogni grande condottiero seguì l'esempio [di Óðinn].

3e Einn konungr í Troju hét Munón eða Mennón. Hann átti dóttur hǫfuðkonungs Príami, sú hét Tróan. Þau áttu son, sá hét Trór, þann kǫllum [vér] Þór. Hann var at uppfœzlu í Trakía með þeim hertoga er nefndr er Lorikus, en er hann var tíu vetra, þá tók hann við vápnum fǫður síns. Svá var hann fagr álitum, er hann kom með ǫðrum mǫnnum, sem þá er fílsbein er grafit í eik. Hár hans er fegra en gull. Þá er hann var tólf vetra, hafði hann fullt afl. Þá lypti hann af jǫrðu tíu bjarnstǫkum ǫllum senn, ok þá drap hann Lorikus hertoga, fóstra sinn, ok konu hans, Lóra eða Glóra, ok eignaði sér ríkit Trakía, þat kǫllum vér Þrúðheim. Un re di Troja era chiamato Munón o Mennón. Questi aveva sposato la figlia del re supremo Príamus, di nome Tróan. Ebbero un figlio chiamato Trór, ma che noi chiamiamo Þórr. Fu allevato in Trakía [Tracia] da un duca, certo Lóríkus, e quando aveva dieci inverni prese le armi di suo padre. Era così bello di aspetto che spiccava in mezzo agli altri uomini, come un intarsio d'avorio nel legno di quercia. La sua chioma splendeva come oro. Aveva dodici inverni quando raggiunse il culmine della sua forza. Sollevò da terra dodici pellicce d'orso tutte insieme, poi uccise il duca Lóríkus, suo patrigno, e con lui sua moglie Lórá o Glórá, e prese nelle sue mani il regno di Trakía, che noi chiamiamo Þrúðheimr.
3f Þá fór hann víða um lǫnd ok kannaði heimshálfur ok sigraði einn saman alla berserki ok alla risa ok einn hinn mesta dreka ok mǫrg dýr. Í norðrhálfu heims fann hann spákonu þá, er Sibil hét, er vér kǫllum Sif, ok fekk hennar. Engi kann segja ætt Sifjar. Hon var allra kvenna fegrst, hár hennar var sem gull. Þeira son var Lóriði, er líkr var feðr sínum. Hans son var Einriði, hans [son] Vingiþórr, hans son Vingenir, hans son Móða, hans son Magi, hans son Chespheth, hans son Beðvig, hans son Athra, er vér kǫllum Annan, hans son Ítrmann, hans son Heremóð, hans son Skjaldun, er vér kǫllum Skjǫld, hans son Bjaf, er vér kǫllum Bjár, hans son Jat, hans son Guðólf, hans son Finn, hans son Fríallaf, er vér kǫllum Friðleif. Hann átti þann son er nefndr er Vóden, þann kǫllum vér Óðin. Hann var ágætr maðr af speki ok allri atgørvi. Kona hans hét Frigíða, er vér kǫllum Frigg. In seguito egli visitò molte terre e conobbe tutti i paesi del mondo, sconfiggendo da solo tutti i berserkir e i giganti, ed anche il più grande dei draghi e molte altre bestie. Nella metà settentrionale del paese conobbe quella profetessa chiamata Síbil, che noi chiamiamo Sif, e la sposò. Nessuno conosce la stirpe di Sif. Ella era la più bella di tutte le donne, i suoi capelli erano come oro. Loro figlio fu Lóriði, che rassomigliava al padre. Suo figlio fu Einriði, suo figlio fu Vingeþór, suo figlio fu Vingener, suo figlio fu Móða, suo figlio fu Magi, suo figlio fu Seskef, suo figlio fu Beðvig, suo figlio fu Athra, che noi chiamiamo Annan, suo figlio fu Ítrmann, suo figlio fu Heremóð, suo figlio fu Skjaldun, che noi chiamiamo Skjǫld, suo figlio fu Bjáf, che noi chiamiamo Bjár, suo figlio fu Ját, suo figlio fu Guðólfr, suo figlio fu Finn, suo figlio fu Fríallaf, che noi chiamiamo Friðleif. Quest'ultimo ebbe quel figlio che fu chiamato Vóden e che noi chiamiamo Óðinn. Questi ebbe fama di uomo sapiente e dai molti talenti. Sua moglie aveva nome Frígíða, ma noi la chiamiamo Frigg.
       
4

Frá því er Óðinn kom á Norðrlǫnd

Quando Óðinn arrivò nelle terre del nord

 
4a Óðinn hafði spádóm ok svá kona hans, ok af þeim vísindum fann hann þat at nafn hans mundi uppi vera haft í norðrhálfu heims og tignat um fram alla konunga. Fyrir þá sǫk fýstisk hann at byrja ferð sína af Tyrklandi ok hafði með sér mikinn fjǫlða liðs, unga menn ok gamla, karla ok konur, ok hǫfðu með sér marga gersemliga hluti. En hvar sem þeir fóru yfir lǫnd, þar var ágæti mikit af þeim sagt, svá at þeir þóttu líkari guðum en mǫnnum. Ok þeir gefa eigi stað ferðinni, fyrr en þeir koma norðr í þat land er nú er kallat Saxland. Þar dvalðisk Óðinn langa hríð ok eignaðisk víða þat land. Óðinn aveva il dono della preveggenza, e così sua moglie, e grazie a tale dono essi seppero che il suo nome sarebbe stato glorificato nella metà settentrionale del mondo, superando in fama tutti gli altri re. Perciò egli fu desideroso di partire dal Tyrkland, e fu accompagnato da una moltitudine di gente: giovani e vecchi, uomini e donne, tutti portando con sé una gran quantità di oggetti preziosi. E mentre attraversavano le terre del mondo, molte cose favolose venivano dette di loro, persino che fossero più simili agli dèi che agli uomini. Il loro viaggio non si concluse finché non furono giunti, a nord, nella terra che è ora chiamata Saxland [Sassonia]. Là Óðinn rimase per lungo tempo e prese possesso di un vasto territorio.
4b Þar setti Óðinn til lands gæzlu þrjá sonu sína. Er einn nefndr Veggdegg, var hann ríkr konungr ok réð fyrir Austr-Saxalandi, hans son Vitrgils. Hans synir váru þeir Picta, faðir Heingests, ok Sigarr, faðir Svebdeg, er vér kǫllum Svipdag. Annarr son Óðins hét Beldeg, er vér kǫllum Baldr, hann átti þat land, er nú heitir Vestfal. Hans son var Brandr, hans son Frjóðigar, er vér kǫllum Fróða, hans son var Freóvin, hans son Ývigg, hans son Gevís, er vér kǫllum Gavé. Inn þriði son Óðins er nefndr Sigi, hans son Rerir. Þeir langfeðr réðu þar fyrir er nú er kallat Frakkland, ok er þaðan sú ætt komin er kǫlluð er Vǫlsungar. Frá ǫllum þessum eru stórar ættir komnar ok margar. Óðinn pose i suoi tre figli a guardia di quelle terre. Uno si chiamava Vegdeg: egli fu un possente re, regnò sul Saxland orientale e suo figlio fu Vitrgils. I figli di questi furono Vitta, padre di Heingest, e Sigarr, padre di Svebdeg, che noi chiamiamo Svipdag. Il secondo figlio di Óðinn fu Baldeg, che noi chiamiamo Baldr. Egli possedeva quella terra che è ora chiamata Vestfal [Vestfalia]. Suo figlio fu Brandr, suo figlio Frjódigar, che noi chiamiamo Fróði, suo figlio Freóvin, suo figlio Ývigg, suo figlio Gevis, che noi chiamiamo Gave. Il terzo figlio di Óðinn aveva nome Sigi, il cui figlio fu Rerir. Questi antenati regnarono su quella terra che è oggi chiamata Frakkland, e da costoro viene la stirpe detta dei Vǫlsungar. Da tutti costoro sarebbero discese molte e nobili casate.
4c Þá byrjaði Óðinn ferð sína norðr ok kom í þat land, er þeir kǫlluðu Reiðgotaland, ok eignaðisk í því landi allt þat er hann vildi. Hann setti þar til landa son sinn er Skjǫldr hét, hans son var Friðleifr, þaðan er sú ætt komin er Skjǫldungar heita, þat eru Danakonungar, ok þat heitir nú Jótland er þá var kallat Reiðgotaland. Poi Óðinn riprese il suo viaggio verso nord e giunse in quella terra che fu chiamata Reiðgotaland, e qui si impossessò di tutti i territori che desiderava. Su questa terra pose quel suo figlio chiamato Skjǫldr, il cui figlio fu Friðleif. Da costoro discende la stirpe detta degli Skjǫldungar. Essi sono i re dei Dani e quella terra che ora si chiama Jótland prima si chiamava Reiðgotaland.
       
5

Frá því er Óðinn kom í Svíþjóð ok gaf sonum sínum ríki

Quando Óðinn giunse in Svíþjóð e consegnò al proprio figlio il suo regno

 
5a Eptir þat fór hann norðr þar sem nú heitir Svíþjóð. Þar var sá konungr, er Gylfi er nefndr, en er hann spyrr til ferðar þeira Asíamanna, er æsir váru kallaðir, fór hann móti þeim ok bauð at Óðinn skyldi slíkt vald hafa í hans ríki sem hann vildi sjálfr. Ok sá tími fylgði ferð þeira, at hvar sem þeir dvǫlðusk í lǫndum, þá var þar ár ok friðr. Því trúðu allir, at þeir væri þess ráðandi, þvíat þat sá ríkismenn at þeir váru ólíkir ǫðrum mǫnnum þeim er þeir hǫfðu sét at fegrð ok svá at viti. Þar þótti Óðni fagrir landskostir ok kaus sér þar borgar stað, sem nú heita Sigtún, þat var af hans nafni, ok gaf sér konungdóm ok kallaðisk Njǫrðr, ok því finnsk þat skrifat í fræðibókum at Njǫrðr hafi heitit hinn fyrsti Svíakonungr. Er þat til þess at Óðinn hefir þar verit gǫfgastr, ok skipaði þar hǫfðingjum í þá líking, sem verit hafði í Troju, setti tólf hǫfuðmenn í staðnum at dœma landslǫg, ok svá skipaði hann réttum ǫllum sem fyrr hǫfðu verit í Troju ok Tyrkir váru vanir

In seguito [Óðinn] andò a nord, dove si trova quella terra chiamata Svíþjóð [Svezia]. Qui c'era quel re chiamato Gylfi, il quale, quando seppe dell'arrivo di questi uomini dell'Asíá, chiamati Æsir, venne a incontrarli e fece loro offerte tali che, nel suo regno, Óðinn disponeva della medesima autorità che lui stesso esercitava. Infatti giungeva insieme a loro [gli Æsir] la buona sorte e, dovunque essi si stabilissero, regnavano prosperità a pace. Così tutti ritennero che fossero proprio loro l'origine di tali benefici, e i capi delle varie terre capirono che essi erano differenti dagli altri uomini di cui avevano esperienza, tanto in aspetto quanto in sapienza. A Óðinn piacque quel territorio e scelse per sé un luogo per costruirvi quella cittadella che oggi è detta Sigtúnir, la quale prese nome da lui. Si prese quindi un regno e si chiamò Njǫrðr, e si trova scritto nei libri di sapienza che Njǫrðr si fosse proclamato il primo re degli Svedi. E prima che Óðinn venisse qui venerato come un dio, pose i suoi governatori così com'era stato fatto a Troja: nominò nella città dodici capi in funzione di giudici e così egli stabilì le leggi così come era stato fatto a Troja, secondo i costumi dei Tyrkir [turchi].

5b Eptir þat fór hann norðr þar til er sjár tók við honum, sá er þeir sǫgðu at lægi um ǫll lǫnd, ok setti þar son sinn til þess ríkis er nú heitir Nóregr. Sá er Semingr kallaðr, ok telja þar Nóregskonungar sínar ættir þar til hans ok svá jarlar ok aðrir ríkismenn, svá sem segir í Háleygjatali. En Óðinn hafði með sér þann son sinn er Yngvi er nefndr, er konungr var í Svíþjóð eptir hann, ok eru af honum komnar þær ættir er Ynglingar eru kallaðir. [Óðinn] quindi si recò ancora più a nord, finché raggiunse quel mare che gli uomini ritengono circondi tutti i paesi del mondo, ed ivi pose suo figlio sopra questo regno, che oggi è chiamato Nóregr [Norvegia]. Suo figlio aveva nome Sæmingr e i re di Nóregr affermano di discendere da lui, e così molti altri nobili e potenti, come si dice nell'Háleygjatal. Óðinn aveva con sé un altro dei suoi figli, chiamato Yngvi, che fu re di Svíþjóð dopo di lui e da questi discende la stirpe detta degli Ynglingar.
5c Þeir æsir tóku sér kvánfǫng þar innan lands, en sumir sonum sínum, ok urðu þessar ættir fjǫlmennar, svá at um Saxland ok allt þaðan um norðrhálfur dreifðisk svá at þeira tunga, Asíamanna, var eigintunga um ǫll þessi lǫnd, ok þat þykkjask menn skynja mega af því er rituð eru langfeðganǫfn þeira, at þau nǫfn hafa fylgt þessi tungu ok þeir æsir hafa haft tunguna norðr hingat í heim, í Nóreg ok Svíþjóð, í Danmǫrk ok Saxland, ok í Englandi eru forn landsheiti eða staða, þau er skilja má at af annarri tungu eru gefin en þessi. Gli Æsir presero per sé donne di quelle terre e alcuni anche per i loro figli. La loro discendenza fu talmente vasta che uscì dal Saxland e migrò in tutte le terre del nord, così che la loro lingua, quella degli asiatici, divenne la lingua madre di tutte le regioni settentrionali. Gli uomini ritengono di poter comprendere, dal modo in cui vengono scritti, che i nomi dei loro antenati appartengano a questa lingua, la quale fu portata dagli Æsir nella patria nordica, in Nóregr, in Svíþjóð, in Danmǫrk e in Saxland. In England invece ci sono vecchi nomi di luoghi e di città che dimostrano di provenire da una lingua diversa.

NOTE

Intestazione

Queste righe poste a mo' di intestazione [fyrirsǫgn] compaiono unicamente nel Codex Uppsaliensis [U], il più antico dei quattro codici che ci hanno tramandato l'Edda di Snorri, ma anche quello che più diverge dagli altri tre (il Codex Regius [R], il Codex Wormianus [W] e il Codex Traiectinus [T]). È proprio grazie a questa intestazione, tuttavia, se possiamo far risalire la paternità dell'Edda proprio a Snorri Sturluson (Isnardi 1975). ― Chi scrisse queste righe usava una lingua più moderna di quella di Snorri, ma la arcaicizzò liberamente. È un importante segnale l'ortografia del patronimico di Snorri, che nel testo appare nella forma Sturlosonr. Al tempo di Snorri, la parola sonr «figlio» aveva già perduto la desinenza -r quando veniva usata come parte integrante di un patronimico [fǫðurnafn], uso che si è conservato in islandese moderno, il quale oppone la forma -son nel nominativo dei patronimici alla forma piena del normale sostantivo sonur «figlio». Pertanto, la forma normale del secolo XIII è Sturluson e non Sturlosonr. Con Sturlosonr, l'autore del passaggio utilizzò una forma ipercorretta, che apparteneva a testi molto anteriori. Fin dall'Ottocento, gli editori dell'Edda si accorsero che questa forma era errata e la emendarono in Sturluson.

Re Hákon IV Hákonarson di Norvegia e il duca Skúli Bárðarson furono entrambi amici di Snorri. Lo scrittore si recò due volte in Norvegia, ove ebbe contatti con re Hákon, a cui dedicò anche alcune poesie. Sembra che i due tramassero per consegnare l'Islanda alla monarchia feudale norvegese. Il progetto valse a Snorri l'inimicizia di molti influenti capi islandesi e la sua mancata attuazione rese lo scrittore inviso dello stesso re Hákon. Nel 1237 Snorri tornò in Norvegia per incontrare il duca Skúli, che stava organizzando una rivolta contro il re e mirava al trono. Durante il soggiorno di Snorri, dall'Islanda giunse la notizia che nella battaglia di Ǫrlygsstaðr (21 agosto 1238) gli uomini fedeli a re Hákon, avevano sconfitto la ribellione, tra i cui capi si trovavano tra gli altri Sighvatr e Sturla Sturluson, rispettivamente fratello e nipote di Snorri. Re Hákon ordinò a tutti gli islandesi di non lasciare la Norvegia, fino a nuova disposizione. Snorri, invece, tornò in Islanda nella primavera del 1239, ritenendo non fosse necessario obbedire al re, il quale sarebbe stato in breve detronizzato da Skúli. L'anno seguente, però, la rivolta fallì e Skúli venne ucciso. Snorri fu quindi accusato di cospirazione e re Hákon commissionò il suo assassinio a Gizurr Þórvaldsson, il quale circondò la casa dello scrittore a Reykholt. Avvertito da un messaggio redatto in rune, Snorri tentò di nascondersi nel passaggio sotterraneo che conduceva dalla casa al bagno termale, ma venne raggiunto dai sicari e ucciso (23 settembre 1241). [NdT/NdC]
 

Prologo

Al fine di presentare la sua grande opera mitologica, nella quale la finzione letteraria renderà necessario trattare dell'antica religione come fosse autentica sapienza e tradizione cosmologica, Snorri, da buon cristiano, premette questo Prologo per spiegare l'origine delle credenze pagane. Il testo del Prologo è presente - seppure in diverse redazioni - in tutti e quattro manoscritti snorriani. Le versioni più vicine alle intenzioni dell'autore sembrano essere quella contenuta nel Codex Traiectinus [T] e il frammento riportato nel Codex Regius [R], essendo questo manoscritto mutilo della prima pagina. Il Codex Uppsaliensis [U] presenta una versione abbreviata. Il Codex Wormianus [W] presenta invece due lunghe parti aggiuntive ed è difficile dire se esse facciano parte del testo originale o se siano state sviluppate in seguito. I vari traduttori si sono via via affidati a T o a W, col risultato che alcune traduzioni sono più lunghe di altre. Tra i traduttori italiani, Giorgio Dolfini e Gianna Chiesa Isnardi, hanno scelto di non tradurre affatto il Formáli, forse perché numerose discrepanze stilistiche, linguistiche e testuali che hanno indotto alcuni autori a ritenere che a redigere questa parte non fu Snorri bensì qualche erudito posteriore [infra]. La nostra versione del Formáli essendo informativa e non critica, si affida al Codex Wormianus [W]. I titoli dei capitoli 2, 4 e 5 provengono dal Codex Uppsaliensis [U] che è l'unico che li riporti, mentre i titoli degli altri capitoli fra parentesi quadre sono successivi e si trovano nelle trascrizioni più recenti dell'Edda. [NdC-NdT]

1a ― L'avvio è naturalmente affidato al dato biblico.

1bIl motivo dell'oblio, da parte degli uomini, del nome di Dio, è semplicemente una spiegazione di Snorri al fatto che gli uomini si siano messi ad adorare divinità pagane dai nomi e dagli attributi tanto diversi. Non sembra probabile che Snorri fosse a conoscenza dei problemi relativi al significato della perdita dell'esatta pronuncia del Nome Divino nella mistica ebraica. Snorri spiega l'insorgere delle credenze pagane come oblio, da parte dell'umanità, della conoscenza del vero Dio e quindi come tentativo di spiegazione razionale del mondo contingente. Egli, come precisa più sotto, distingue una conoscenza sostenuta dalla ragione umana, che procede dall'osservazione dei fenomeni del mondo naturale tentando di risalire alle cause prime, da una sapienza dello spirito, che può arrivare all'uomo soltanto come dono divino. Per quanto degna di considerazione, la conoscenza naturale non permette di arrivare alla Verità: al contrario, genera gli errori e le grottesche deformazioni che saranno all'origine delle credenze pagane.

1c ― Riprendendo il Vafþrúðnismál [21], Snorri scriverà, a proposito del sacrificio di Ymir, che la terra fu fatta dalla carne del gigante primordiale, le montagne dalle sue ossa, le pietre ed i massi dai denti, dalla mascelle e dalle schegge di ossa (Gylfaginning [8]).

1e ― Il testo del Codex Trajectinus [T] prende l'avvio con questo paragrafo.

1g-1hQuesti due paragrafi, riguardanti la divisione tripartita del mondo da parte dei discendenti dei figli di Noè, la vicenda della Torre di Babele e la confusione delle lingue, compresa l'improbabile apparizione di Zoroastro, sono presenti soltanto nel Codex Wormianus [W]. Il Codex Regius [R], abbiamo detto, è mutilo di tutta la parte iniziale. Il Codex Trajectinus [T] e il Codex Uppsaliensis [U] connettono direttamente il paragrafo 1e con le ultime righe di 1h. Questo è, ad esempio, il testo del Trajectinus: «...Pertanto, affinché [tutto] questo si potesse raccontare e affidare alla memoria, essi stessi diedero nomi [alle cose] e questa tradizione si evolse in molti modi. Così, mentre i popoli si separavano e le loro lingue si differenziavano, si compiva quell'opera che fu la più grande del mondo. Tutte queste cose essi le conoscono mediante la sapienza terrena, ma la comprensione dello spirito non è stata loro concessa. Essi compresero tuttavia che tutto era stato forgiato a partire da una qualche essenza» [En til þess at heldr mætti frá segia eða í minni festa, þá gáfu þeir nǫfn með siálfum sér ǫllum hlutum, ok hefir þessi átrúnaðr á marga lund breyzk svá sem þióðirnar skiptusk ok tungurnar greindusk. En alla hluti skilðu þeir iarðligri skilningu, þvíat þeim var eigi gefin andlig spekðin. Svá skilðu þeir at allir hlutir væri smíðaðir af nǫkkuru efni]. Difficile dire se ci troviamo di fronte a un'interpolazione di W o se invece i redattori di T e U non disponessero di questa sezione e abbiano abilmente legato i due tronconi.

Mappamondo a «O-T».
British Library. Ms. C-5933-06; Royal 12 F. IV; f.135v.

Da un manoscritto delle Etimogie di Isidoro di Siviglia custodito nella British Library, un bellissimo mappamondo medievale, con l'orbe terrestre suddiviso in Asia, Africa ed Europa. I bracci della T rappresentano in senso orario: il Nilo, il Mediterraneo e il Mar Nero.

2a ― Questa sezione inizia con una rapida descrizione dell'orbe terrestre, tripartito secondo la struttura dei mappamondi medievali O-T. Cfr. con quanto scrive Snorri stesso con maggiori dettagli, in Ynglinga saga [1]. ― Il nome alternativo dell'Europa, Énéá, che Snorri cita anche in Ynglinga saga [1], manca ancora di una valida spiegazione. Rasmus B. Anderson, nelle note alla sua vecchia traduzione inglese dell'Edda di Snorri, riporta questo nome all'eroe classico Æneas che, un po' come l'Óðinn di Snorri, partì da Troia per fondare una città sul Tevere (Anderson 1897).

3a ― Giocando sulla paraetimologia tra Æsir ed Asíá, Snorri identifica la terra d'origine degli Æsir con la Turchia [Tyrkland] e precisamente con la città omerica di Troia. In particolare, fa discendere la stirpe degli Æsir da re Priamo, attraverso un certo Tróan, il cui figlio Trór, sovrano di Tracia, sarebbe stato in seguito divinizzato dalle genti del nord come Þórr; da costui sarebbe quindi disceso Vóden, colui che avrebbe portato gli Æsir dall'Asia in nord Europa, dove sarebbe stato divinizzato col nome di Óðinn. La stessa concezione di un'origine asiatica degli Æsir ritorna, in maniera più velata, nel Gylfaginning [9], dove Snorri identifica tout-cort Ásgarðr con la Troia omerica: «[gli dèi] costruirono una fortezza nel mezzo del mondo: essa è detta Ásgarðr, ma noi la chiamiamo Troia». Nella Ynglinga saga, pur accettando l'arrivo degli Æsir dall'Asia (e quindi conservando la paraetimologia tra i due termini), Snorri non dà una localizzazione precisa di Ásgarðr, ponendola piuttosto in qualche vago territorio a oriente del Don (Ynglinga saga [2]); nella stessa fonte Snorri afferma che Óðinn aveva dei grandi possedimenti nel Tyrkland (Ynglinga saga [5]).

3b ― «Scoprì anche quella sostanza rossa nella terra dalla quale si otteneva l'oro» [hann fann ok rauða þann í iǫrðu er hann blés af gull]: il cinabro, ovvero solfuro di mercurio, minerale rosso già noto nell'antichità presso Egizi, Greci e Cinesi. Per gli alchimisti era la materia prima per forgiare la pietra filosofale e per trasformare il metallo in oro.

3c ― I nomi delle divinità classiche sono date da Snorri in latino, a volte con curiose varianti rispetto alla forma classica. Ad esempio Pluto è chiamato da Snorri Plutus, forse confuso col dio della ricchezza, o forse erroneamente trasposto dalla terza alla seconda declinazione. Analogamente Iuno, qui moglie di Saturnus, è chiamata Juna, con analoga trasposizione dalla terza declinazione alla prima. ― Il racconto sembra essere un mélange tra il mito del ratto di Eurṓpē e quello della trasformazione di Iṓ in giovenca, entrambi appartenenti al ciclo di Zeús ma qui attribuiti a Saturnus. Il mandriano Árgos, a cui nel mito greco viene affidata la custodia della giovenca, viene chiamato col diminutivo latino Argulus. ― Si è tradotto letteralmente il termine elfarkvísl con «delta di un fiume». Elfr è il termine norreno per «fiume». Ma è anche il nome proprio di una serie di fiumi, tra cui l'Elba in Germania, il Göta in Svezia e il Glomma in Norvegia (chiamati rispettivamente Saxelfr «Elba dei Sassoni», Gautelfr «Elba dei Goti» e Raumelfr «Elba dei Raumar»). Sembra tuttavia che Snorri non intenda nessuno di questi tre fiumi, anche perché la vicenda che narra si svolge tra la Grecia e Creta. Si potrebbe pensare, per affinità etimologica, al fiume Alfeo [greco Alpheiós], che sorge in Arcardia, attraversa il Peloponneso e sfocia nel mar Ionio, ma si tratta di un'ipotesi non molto convincente. Secondo l'interpretazione fornita dal dizionario antico islandese di Cleasby e Vigfússon, e ripresa dal dizionario di Zoëga, il termine elfarkvísl indicherebbe piuttosto il delta del Nilo (Cleasby ~ Vigfússon 1874 | Zoëga 1910).

3dSerberum: il nome greco Kérberos, ma più probabilmente il corrispettivo latino Cerberus, non viene reso da Snorri con una K iniziale, come ci si potrebbe aspettare da un lettore nordico, ma con una S. Questo può indicare che quando i miti greco-romani arrivarono in Scandinavia la pronuncia classica latina era già tramontata. ― È interessante che venga mantenuta nel testo islandese la declinazione latina di Venus, in questo caso all'accusativo [Venerem] e al nominativo [Venus]. Nel caso precedente di Serberum, invece, si ritrova la stessa forma per entrambi i casi. Troviamo anche declinati Assiriorum e Macedoniorum, genitivi plurali latini.

3eMunón eða Mennón: Mémnōn, re etiope di Troía, figlio di Hēṓs e di Tithōnós (fratello di Príamos). Nel mito greco, Mémnōn durante la guerra di Troía difese la città, uccise Antílochos e per questo fu a sua volta ucciso da Achilleús; la sua morte ricorda in effetti quella di Héktōr, il più famoso dei guerrieri troiani. Dopo la morte di Mémnōn, Zeús si commosse di fronte al pianto di Hēṓs e gli concesse l'immortalità. I due colossi che si trovano sulla strada che porta alla Valle dei Re, in Egitto, sono «colossi di Mémnōn», perché quando soffia il vento emettono un suono che si crede essere il loro saluto all'aurora, loro madre. La morte di Mémnōn è raccontata per esteso nell'Aithiopís «Etiopide», un poema epico composto attorno al VII sec. a.C. da Arctinio di Mileto.

3f ― In questa biografia evemeristica, si riconoscono i viaggi ed i combattimenti del Þórr eddico, leggende che Snorri propone derivate dalle gesta di questo «Trór» tracio. Il grande drago a cui si fa riferimento è naturalmente quello che nel mito scandinavo sarebbe diventato Jǫrmungandr. ― Questa discendenza di Óðinn da Þórr sembra essere un unicum nella letteratura nordica, probabilmente giustificata dal fatto che Snorri teneva a conservare una paraetimologia tra il nome del dio-tuono, evemerizzato in Trór, e la regione della Troade. Questa interpretazione - non sappiamo se escogitata dallo scrittore islandese o se derivata da interpreti precedenti - lo costringeva a porre Þórr alla base delle genealogie troiane. Successivamente, nel Gylfaginning, Þórr ritorna ad essere figlio di Óðinn. È comunque evidente che la discendenza di Óðinn da Þórr a cui si accenna qui nel Prologo, non è dovuta alle necessità dell'interpretazione evemeristica, in quanto, lo stesso Snorri, nel racconto storicizzato con cui apre la Ynglinga saga, tratta Þórr come discendente di Óðinn. Desta sospetto la doppia ortografia con la quale vengono forniti tutti questi nomi, tanto più che quelli «alternativi» sono di origine anglosassone e non norrena. È il caso di Wōden, forma anglosassone di Óðinn, o Frealaf, che corrisponde al norreno Fríðleifr. Perché l'utilizzo di tutti questi nomi? È evidente che l'autore del Formáli intendesse dimostrare di conoscere la letteratura erudita anglosassone, e questo è un dettaglio che sembra in contraddizione con il carattere di Snorri quale noi lo conosciamo, e ha indotto vari studiosi a pensare che il Formáli non fu scritto da Snorri, ma da qualche erudito a lui posteriore, forse di origine continentale. Contro questa ipotesi viene puntualizzato il fatto che il Formáli figura in tutti e quattro i principali manoscritti dell'Edda, segno che è stato considerato parte integrante dell'opera già una cinquantina di anni dopo la morte dello stesso Snorri. Inoltre il codice U pospone il testo del Formáli all'indicazione che il libro è appunto opera di Snorri. ― I nomi di alcuni di questi discendenti di «Trór» richiamano dei nomina che il mito eddico attribuisce a Þórr o al suo entourage. Ad esempio il nome «Lóriði» va associato a Hlórriði «cavaliere fortemente risonante», epiteto dello stesso Þórr: è curioso che Snorri trasformi quest'epiteto nel nome di uno dei figli del «Trór» tracio, ma fa sorridere l'annotazione per cui questi rassomigliasse al padre. «Vingeþór» e «Vingener» sono da associare rispettivamente a Vingþórr «Þórr della battaglia» e Vingnir «scuotitore [d'armi]», parimenti epiteti di Þórr. «Móða» e «Magi» sono Móði e Magni, i due figli di Þórr. «Heremóð» è forse da identificare Hermóðr il veloce, che però nell'Edda è detto figlio di Óðinn. (Anderson 1897). Lo Skjǫld qui nominato sembra essere soltanto un omonimo del mitico progenitore della stirpe degli Skjǫldungar, tradizionali re di Danimarca, citato più sotto; cfr. nota 4c. ― Berserkir: letteralmente «vesti d'orso». Leggendari guerrieri che probabilmente si univano in società e che avevano una particolare devozione verso Óðinn. Prima della battaglia entravano in uno stato di furia, detto berserksgangr, che li rendeva particolarmente feroci e – pare – insensibili al dolore. Il primo a descriverli, pur senza dargli questo nome, fu Tacitus nella Germania. Fra le diverse fonti nordiche che ne riportano notizie più o meno attendibili, dei berserkir parlano anche Saxo Grammaticus e lo stesso Snorri nella Egils saga Skallagrímssonar e nella Ynglinga saga.

4a ― Il motivo dell'etnometastasi, in questo caso la migrazione dei Germani da troia al nord Europa, mostra evidenti collegamenti con l'Æneis di Vergilius, segno che l'autore del Formáli era un buon conoscitore della cultura classica. Snorri riprende il motivo nella Ynglinga saga [5], dove però la partenza di Óðinn dall'Asia non è dovuta soltanto alla prescienza di questi, ma anche al pericolo dovuto dall'espansione delle armate romane in oriente (Isnardi 1977). ― La Sassonia [Saxland] è la regione della Germania a sud della Danimarca, luogo d'origine dei Sassoni.

4b Heingest: forse Hengist, uno dei semimitici capi dell'invasione sassone della Britannia?

4c Skjǫld, mitico progenitore della stirpe degli Skjǫldungar, tradizionali re di Danimarca (Ynglinga saga [5]). Evidentemente da non confondere con l'omonimo citato alla nota 3f. ― Jǫtland: l'odierna penisola di Jutland, in Danimarca.

5a ― L'inciso «þat var af hans nafni, ok gaf sér konungdóm ok kallaðisk Niǫrðr, ok því finnsk þat skrifat í fræðibókum at Niǫrðr hafi heitit hinn fyrsti Svíakonungr. Er þat til þess at Óðinn hefir þar verit gǫfgastr» è presente solo nel Codex Wormianus [W]. ― Sigtúnir: l'odierna Sigtuna, non lontano da Uppsala, in Svezia.

5b ― L'Háleygjatal o «Catalogo dei sovrani» è un poema scaldico attribuito ad Eyvindr Skáldaspillir (X secolo), scritto su imitazione dell'Ynglingatal o «Catalogo degli Ynglingar» di Þjóðólfr ór Hvinir (IX secolo). Per quanto l'Háleygjatal sia andato perduto nella sua interezza, Snorri ne ha tramandato alcune strofe citandole nello Skáldskaparmál e nella Ynglinga saga.

5c ― Snorri afferma curiosamente che la lingua norrena sia originaria della regione di Troia e che sia stata portata dal popolo degli Æsir dapprima in Sassonia ed in seguito diffusa in Danimarca, Svezia e Norvegia. Non essendo più sostenibile l'idea secondo la quale l'espansione linguistica propugnata da Snorri sia un ricordo dell'invasione indoeuropea, oppure delle migrazioni germaniche in Europa centrale e settentrionale, è evidente che Snorri presenta una conclusione personale. Interessante il dettaglio che presenti, quale prova, il fatto che in Inghilterra siano attestati toponimi di matrice non germanica: furono gli invasori Angli e Sassoni a importare la loro lingua germanica nella Britannia celtica. Quello che è vero per l'Inghilterra, però, non è necessariamente estendibile alla Scandinavia.

Bibliografia

  • ANDERSON Rasmus Bjǫrn [cura], The Young Edda, also called Snorre's Edda, or the Prose-Edda. Chicago 1879.

  • BRANSTON Brian, Gods of the North. Thames & Hudson, London 1955. → ID. Gli dèi del nord. Mondadori, Milano 1991.
  • CLEASBY Richard ~ VIGFÚSSON Guðbrandur, An Icelandic-English Dictionary. Oxford, 1874.
  • DAVIDSON Hilda R. Ellis, Gods and Myths of Northern Europe. Penguin, London 1964.
  • DAVIDSON Hilda R. Ellis, Roles of the Northern Goddess. Routledge, London 1998.
  • DE SANTILLANA Giorgio ~ VON DECHEND Hertha, Hamlet's Mill. Gambit, Boston 1969. → ID., Il mulino di Amleto. Adelphi, Milano 1983 [1990].
  • DOLFINI Giorgio [cura]: SNORRI Sturluson, Edda Adelphi, Milano 1975.
  • FAULKES Anthony, Poetical inspiration in old norse and old english poetry. In «Northern Studies». Viking Society for Northern Research. London 1997 [1998].
  • FAULKES Anthony [cura], Edda. Prologue and Gylfaginning. Viking Society for Nothern Research, London 2005.
  • FAULKES Anthony [cura], Edda. Skáldskaparmál. In «Northern Studies». Viking Society for Northern Research. London 1998.

  • GRIMM Jacob, Deutsche Mythologie. Gütersloh 1835.
  • ISNARDI Gianna Chiesa [cura]: SNORRI Sturluson, Edda di Snorri. Rusconi, Milano 1975.
  • ISNARDI Gianna Chiesa [cura], Leggende e miti vichinghi. Rusconi, Milano 1977.
  • ISNARDI Gianna Chiesa, I miti nordici. Longanesi, Milano 1991.
  • JÓNSSON Finnur ~ EGILSSON Sveinbjörn, Lexicon poeticum antiquae linguae septentrionalis. København 1966
  • MANGANELLA Gemma, Antichi dialetti germanici: origini e sviluppo. Liguori, Napoli 1979.
  • KOCH Ludovica [cura], Gli Scaldi. Poesia cortese d'epoca vichinga. Einaudi, Torino 1984.
  • SCARDIGLI Piergiuseppe [cura] ~ MELI Marcello [trad.], Il canzoniere eddico. Garzanti, Milano 1982.
  • TURVILLE-PETRE Gabriel, Myth and Religion of the North. The Religion of Ancient Scandinavia. Weidenfeld & Nicholson, London 1964.
  • ZOËGA Geir T., A coincise Dictionary of Old Icelandic. Clarendon Press, Oxford 1910.
BIBLIOGRAFIA
Archivio: Biblioteca - Guglielmo da Baskerville
Area: Germanica - Brynhilldr
Introduzione, traduzione e note di: Stefano Mazza.
Creazione pagina: 04.08.2006
Ultima modifica: 30.11.2014
 
POSTA
© BIFRǪST
Tutti i diritti riservati